RomaFictionFest 2010, tutti i vincitori: dieci premi alla Rai, Klass Elu Parast miglior drama, Les Invincibles migliorcomedy

Sono stati annunciati i vincitori della quarta edizione del RomaFictionFest: a portarsi a casa i premi principali sono state la fiction Klass: Elu Parast (Estonia), miglior serie tv drama, e Les Invincibles (Francia), miglior serie tv comedy. La RAI può festeggiare dato che ha vinto in dieci categorie. Il direttore di Rai Fiction Fabrizio del Noce ha commentato così (fonte Adnkronos):

Si tratta di un risultato che conferma il gradimento espresso dal pubblico nelle ultime stagioni per la qualità della fiction Rai. E’ ancor più significativo che questi riconoscimenti, insieme a quelli recentemente ottenuti ai Festival di Biarritz, Montecarlo e Shanghai, vengano assegnati da giurie internazionali. Sono particolarmente orgoglioso per il successo di fiction come C’era una volta la città dei matti con Fabrizio Gifuni e Vittoria Puccini , che ho fortemente voluto insieme a Claudia Mori, e come Gli ultimi del paradiso, che ha affrontato per la prima volta il tema delle morti bianche. Ci congratuliamo con l’organizzazione del RomaFictionFest che ci ha permesso di presentare di fronte a un pubblico sempre numeroso due anteprime assolute di grande valore come il film Il sorteggio e la miniserie Le ragazze dello swing, e un’ampia panoramica sulle nuove produzioni in corso, testimonianza della vitalità di un settore come la fiction italiana.

Di seguito potete leggere il comunicato ufficiale con l’elenco di tutti i vincitori divisi per categorie.

Premi Tv 2010, i vincitori

Sono state tutte rispettate le previsioni sui vincitori dei Premi Tv 2010, che si sono tenuti ieri sera all’Ariston di Sanremo e che sono stati trasmessi su Raiuno condotti da Carlo Conti e Daniele Piombi: nella serata dedicata a Mike Bongiorno, Carlo Conti ha vinto il premio come Miglior Personaggio Maschile dell’anno, Antonella Clerici quello come Miglior Personaggio Femminile e Ballando con le stelle, per il secondo anno consecutivo, quello di Miglio Programma dell’anno (presente quasi tutto il cast artistico di quest’anno).

I riconoscimenti per Conti e la Clerici sono stati ben tre: il conduttore ha incassato anche quelli per L’eredità e I migliori anni, mentre la presentatrice è stata premiata anche per il Festival di Sanremo 2010 e Ti lascio una canzone. Completano il quadro dei vincitori: Zelig, Chi ha incastrato Peter Pan, Striscia la notizia (finalisti), Daniele Piombi per i cinquanta anni di Oscar della Tv e Lo scandalo della banca romana (già annunciata miglior fiction).

Premio Tv Premio Regia Televisiva 2010 su Raiuno

Questa sera alle 21.10 su Raiuno, in diretta dal teatro Ariston di Sanremo, andrà in onda il Premio Tv Premio Regia Televisiva 2010. A condurre la cerimonia ci sarà Carlo Conti, affiancato dal padrone di casa Daniele Piombi che celebrerà il record della trasmissione, giunta alla cinquantesima edizione.

Due settimane fa vi avevamo annunciato le nomination. Oggi possiamo dirvi che Lo scandalo della banca romana ha vinto il premio Miglior Fiction battendo Don Matteo e Il sangue dei vinti.

Gli altri premi verranno annunciati questa sera: i pronostici, riportati da La stampa, parlano di Carlo Conti Personaggio maschile dell’anno (battuti Paolo Bonolis e Gerry Scotti) e Antonella Clerici Personaggio femminile dell’anno (battute Milly Carlucci e Maria De Filippi).

Aldo Grasso, La fiction italiana deve scoprire il valore della sceneggiatura

Aldo Grasso, prendendo spunto dalla miniserie di Raiuno Sant’Agostino, riflette sullo stato di salute della fiction italiana: il critico del Corriere inizia la sua disquisizione spiegando i motivi per cui non si fanno progetti a lunga scadenza:

Sant’Agostino è la classica fiction in due puntate. Questa è la pezzatura della fiction italiana. Perché non si fanno grandi progetti? La ragione è molto semplice, potremmo dire che è una ragione editoriale: i responsabili delle fiction fanno delle fiction corte, in modo che loro possano vederne la messa in onda. Chi progetta quella fiction vuole vederla in onda allora la fa di due puntate. Col turnover che c’è in Rai, se uno facesse dei grandi progetti è probabile che di quei frutti ne goda il suo successore.

Aldo Grasso spiega il modello di fiction italiana:

Lo scandalo della banca romana, riassunto seconda puntata

Ieri sera è andata in onda la seconda puntata de Lo scandalo della banca romana. Clemente (Vincent Perez) decide l’assassinio di Antonio Sarno per evitare che qualsiasi persona si metta contro di loro. Bernardo Tanlongo (Lando Buzzanca) sembra però non essere d’accordo con la strategia attuata dal direttore del quotidiano, nonostante sia un suo grande alleato.

Mattia (Giuseppe Fiorello) incontra il commissario Cavaterra (Ninni Bruschetta), il quale lo informa della morte di Antonio Sarno e del fatto che in punto di morte abbia nominato suo padre (Lollo Franco). Renata (Andrea Osvart) è convinta dell’innocenza del padre. Mattia lo raggiunge in Sicilia.

Beppe Fiorello, il protagonista delle fiction

L’attore Beppe Fiorello, il cui vero nome è Giuseppe, nato a Catania il 12 marzo del 1969, è fratello del noto showman Rosario Fiorello: Beppe inizia la sua carriera artistica sulla scia del successo del fratello, del quale inizialmente curava gli spettacoli nei villaggi vacanza Valtur, vicino ad Augusta la loro città d’origine. Grazie al contatto con molti personaggi del mondo dello spettacolo, Beppe inizia prima come sceneggiatore, poi come attore per alcuni spettacoli teatrali. Tutto questo fino al 1994, quando debutta con uno spettacolo radiofonico su Radio Deejay con Baldini, Laurenti e Amadeus.

Sempre in quegli anni Beppe prende il posto del fratello alla conduzione de il Karaoke insieme ad Antonella Elia, anche se il successo sperato non arriva: decide allora di dedicarsi unicamente alla carriera di attore e nel 1997 debutta nel film L’ultimo capodanno di Marco Risi, cui seguono ruoli minori ne I fetentoni, L’americano, Il talento di Mr Ripley, C’era una volta un cinese, Le tre mogli, La guerra è finita. Grazie a queste esperienze Beppe consolida e perfeziona il suo naturale talento artistico.

Il successo di Beppe Fiorello presso il grande pubblico esplode soprattutto grazie alla partecipazione a molte fiction e film per la tv come Salvo D’Acquisto, Il grande Torino, Il cuore nel pozzo, Joe Petrosino, Giuseppe Moscato, Il bambino della domenica. Al cinema Beppe recita nei film Appuntamento a ora insolita, I galantuomini e Baaria di Tornatore.

Lo scandalo della banca romana, riassunto prima puntata

Ieri sera è andata in onda la prima puntata de Lo scandalo della banca romana. Mattia Barba (Giuseppe Fiorello), redattore del Corriere di Cefalù, ha dei problemi con la legge per l’intenzione di voler mettere in evidenza l’annosa questione della Banca Romana, che ha truffato molti dei risparmiatori. Questo è il motivo per cui viene chiuso il suo giornale.

Vincenzo Casella, uno dei clienti truffati dalla banca, si rivolge a lui che è impotente a questa situazione e gli consiglia di fare una denuncia direttamente a Roma, dal momento che a Cefalù vige una profonda omertà. Uno dei personaggi più prepotenti è proprio Antonio Sarno (Totuccio), che nutre per Mattia una vera e propria antipatia.

Lo scandalo della banca romana su Raiuno

Questa sera su Raiuno andrà in onda la prima puntata de Lo scandalo della Banca Romana, la miniserie televisiva diretta da Stefano Reali, con Giuseppe Fiorello (Mattia), Vincent Perez (il direttore Clemente Claudet), Andrea Osvart (la bella artista e donna di potere Renata), Lando Buzzanca (Clemente Tanlongo), Ninni Bruschetta (il CommissarioCavaterra), Lollo Franco (Padre Mattia), Ramona Badescu (Ida Tanlongo) e Mirca Viola (Ines).

La fiction racconta, attraverso gli occhi di un personaggio immaginario, Mattia Barba, lo scandalo che avvenne realmente nel 1893 in Italia che travolse la politica e le banche (ex Banca dello Stato Pontificio aveva stampato senza autorizzazione milioni di lire): Mattia è un giovane di provincia che si trasferisce nella capitale sognando di diventare un giornalista famoso e di successo, pur mantenendo la propria integrità morale. A Roma, però, il ragazzo scopre che fare strada non è facile e che la bella vita non è poi così tanto male. Quando con il tempo il giornalista riesce ad inserirsi nella società che conta, scopre una rete di corruzione che coinvolge politici, imprenditori, l’intera Banca Romana e pure il suo giornale e decide di stare zitto per non perdere tutto. In un secondo momento, resosi conto di aver venduto l’anima, Barba decide di denunciare la corruzione pubblicando i nomi dei colpevoli e pagando in prima persona per il suo silenzio.

Beppe Fiorello, in un’intervista rilasciata a Tv Sorrisi e Canzoni, dice:

Lo scandalo della Banca Romana, Beppe Fiorello:”Fiction educativa e attuale”

Domani sera e lunedì su Raiuno va in onda la miniserie tv Lo scandalo della Banca Romana, diretta da Stefano Reali e interpretata da Beppe Fiorello. L’attore in conferenza stampa ha sottolineato l’attualità della storia narrata dalla fiction:

È straordinario come si riesca, raccontando una storia di oltre un secolo fa a parlare del mondo d’oggi: la pericolosa vicinanza tra banche, politici, corruzione, malaffare, ambiguità e malcostume tutto a discapito dei piccoli risparmiatori e del popolo onesto e lavoratore.

Per Fiorello questo tipo di fiction hanno un valore educativo (fonte Il giornale):

Palinsesti Rai, autunno 2009: tante conferme e poche novità

Oggi sono stati presentati agli inserzionisti, in teleconferenza tra Roma e Milano, i palinsesti autunnali della Rai. Molti sono i programmi confermate, poche le novità. Andiamo a scoprirle subito insieme.

Raiuno. Confermato interamente il daytime con Michele Cucuzza ed Eleonora Daniele a Unomattina, Elisa Isoardi a La prova del cuoco, Veronica Maya a Verdetto finale (spostata alle 14), Caterina Balivo a Festa Italiana, e Lamberto Sposini a La vita in diretta, seguito da Carlo Conti con L’eredità e così come la seconda serata con quattro puntate settimanli di Porta a porta, le notizie più interessanti si aspettavano per la prima serata.  Si parte con Milly Carlucci che dal 12 al 14 settembre conduce Miss Italia 2009 poi dal 16 dello stesso mese il palinsesto è quello che segue:

DOMENICA: Fiction (Don Matteo).
LUNEDI’: Fiction (Commissario Vivaldi, Pinocchio, Lo scandalo della Banca Romana).
MARTEDI’: Tutti pazzi per la tele condotto da Antonella Clerici.
MERCOLEDI’: One man show: Vincenzo Salemme con Nord e Sud quattro puntate in una sfida tra la comicità del nord e quella del sud (dal 16 settembre); Gianni Morandi con La nostra storia, la storia dell’Italia in musica dagli anni ’60 ad oggi (4 puntate a partire dal 21 ottobre).
GIOVEDI’: Fiction (Un medico in famiglia 6).
VENERDI’: I migliori anni condotto da Carlo Conti.
SABATO: Affari Tuoi – La Lotteria, condotto da Max Giusti fino alle 22.30 (poi lascia spazio al cinema).