Lost visto dai fan

Tra poco più di due settimane terminerà Lost, una delle fiction più amate e controverse della storia della serialità americane. Per cercare di capire meglio l’universo di Lost abbiamo contattato Desmond (Matteo), amministratore di Lost Discovery, uno dei siti più frequentati dagli appassionati della serie (alcuni utenti sono quasi dei cultori!).

Chi è il tipico spettatore di Lost?

Non è così semplice tracciare un profilo ben delineato dello spettatore tipico. Direi chiunque. Fondamentalmente c’è uno zoccolo duro di fan, con un’età che oscilla tra i quattordici e i trent’anni, che vive Lost come qualcosa di quotidiano. Leggono spoiler e notizie, ascoltano la colonna sonora mentre lavorano, collezionano poster e magliette e cofanetti vari, ma ci sono tantissime altre persone che lo guardano, ognuno attratto da un aspetto, dai misteri archeologici a quelli scientifici, passando per i triangoli amorosi, direi che c’è materiale per fare appassionare chiunque. Non a caso è visto da moltissime coppiette e si sa che uomini e donne molto spesso guardano telefilm separati…

Quali sono i punti di forza della serie?

Il primo di tutti sono i misteri. La serie vive di interrogativi che quasi mai hanno una risposta e questo tiene l’interesse acceso. Le vicende sono strutturate in maniera tale da lasciarti sempre qualche nuovo interrogativo sul quale lavorare. Sei sfidato a farti una tua idea nell’attesa di vedere la loro. Quando non ci sono addirittura interazioni attive, dalla Lost Experience alla Lost University. Poi la capacità di miscelare svariati generi, dall’avventura alla fantascienza, senza eccedere con nessuno. Da non dimenticare, infine, la costruzione di veri e propri brand che entrano nell’immaginario comune, dai loghi della Dharma Initiative alle barrette Apollo.

Esistono delle fiction che hanno dei punti in comune con Lost?

Lost 6: il finale in contemporanea con gli USA

Il 24 maggio, per tutti gli amanti della serie tv cult Lost, alle ore 06.00 di mattina, sul canale Fox (anche su Telecom Italia, via Iptv e WebTv), in Italia verrà mandata in onda, in contemporanea con gli Stati Uniti, il finale di serie, in lingua originale intitolata The End e della durata di quasi due ore.

Tranquilli dormiglioni: per tutti coloro che si perderanno puntata del mattino, ci sarà la replica in lingua originale con i sottotitoli alle 22.00 su Fox, mentre il 31 maggio ci sarà alle 21.00 la puntata interamente in lingua italiana.

Lost, le prime cinque stagioni su Raidue

In vista della sesta e ultima stagione di Lost, attualmente in onda su Fox, trasmessa in prima serata da lunedì 5 luglio, Raidue ha deciso di riproporre, a partire da oggi, in esclusiva tutte le cinque stagioni già offerte negli anni precedenti.

L’appuntamento per gli appassionati della serie creata da J.J. Abrams, Damon Lindelof e Jeffrey Lieber, vincitore di quarantotto premi (senza contare che le nomination sono state addirittura 176!) è fissato da lunedì a venerdì, alle 1.55 e prevede due episodi ogni sera.

Telefilm Festival 2010: in programma anche i nuovi episodi di Glee e l’anteprima di The Pacific

Continuano ad arrivare interessanti novità riguardanti l’ottavo Telefilm Festival che si terrà dal 7 al 9 maggio a Milano allo Spazio Apollo Cinema, organizzato come sempre dall’Accademia dei Telefilm con Tv Sorrisi e Canzoni.

Dopo aver annunciato due ospiti d’eccezione, Morena Baccarin protagonista di V e Zachary Levi protagonista di Chuck, i dibattiti (su tutti quello sulla frammentazione degli ascolti delle serie tv al qula parteciperanno i direttori delle principali reti italiane e quello su Lost:”Serie culto o boiata pazzesca?”),nonché l’anteprima di The Protectors, il programma si arricchisce ulteriormente di contenuti.

Il cuoco gentiluomo, Cinetivu intervista Alessandro Borghese

Alessandro Borghese, chef televisivo e volto di Discovery Real Time, lo abbiamo incontrato per farci raccontare di tutto un pò sulle sue passioni: la cucina e la televisione.

Quanto ha influito l’ammirata tradizione culinaria del nostro Paese nella tua scelta di diventare uno chef?

Tutto è nato dal desiderio di fare un mestiere che ti porta continuità e manualità, mi è sempre piaciuto usare la testa per creare cose con le mani. Non sono una persona che riesce a starsene seduta a far niente. Mi sono affacciato al mondo della cucina per gioco ma sicuramente la tradizione della mia famiglia e la tradizione del nostro Paese hanno influito notevolmente. Ad un certo punto mi sono reso conto che tutti all’estero, volevano imitare la cucina italiana ed io facevo quel mestiere nel posto giusto.

Sky, Lost e Flash Forward sottotitolati a 24 ore da release USA

Fox Channels Italy, per garantire al proprio pubblico le migliori serie tv internazionali a breve distanza dalla messa in onda degli States, ha deciso di proporre, oltre alla puntata doppiata ad una sola settimana di distanza dalla trasmissione americana, anche la versione originale sottotitolata a sole 24 ore dalla release ufficiale (cosa che già propone a pagamento Telecom Italia Media per Lost).

L’idea è stata intelligentemente pensata per catturare gli appassionati di fiction americana che, non riuscendo a resistere all’attesa, abitualmente si scaricano la puntata della serie preferita in lingua originale e in contemporanea i sottotitoli gratuitamente da grandi siti come Italian Subs Addicted e Subfactory, con la speranza che, almeno gli abbonati Sky, non cadano più in tentazione.

Categorie Sky

Lost 6 dal 3 febbraio sul web con Telecom

La sesta e ultima stagione di Lost, attesissima dai fan di tutto il mondo, che comincerà negli States il 2 febbraio in Italia andrà in onda tradotta otto giorni dopo, ma in inglese sottotitolato in italiano, già dal 3 dello stesso mese!

Le diciotto nuove puntate verranno trasmesse 24 ore dopo la messa in onda americana sulle piattaforme Iptv di Telecom Italia in modalità on demand, su pc ad alta risoluzione, grazie al sito web lost.cubovision.it e sulla tv attraverso l’iptv e Cubo Vision al costo di 1,99 euro con addebito diretto in bolletta.

Ant1, la Grecia sfida le grandi televisioni europee

Antenna, meglio conosciuta come ANT1, è una rete televisiva popolarissima in Grecia e a Cipro. Lanciata il 31 dicembre 1989, il giovane network orientaleggiante si fonda su una programmazione composta principalmente da commedie, drammi, news, programmi di attualità, game show e spettacoli di intrattenimento.

Uno dei produttori esecutivi, Nico Mastorakis, ha portato con sé vari format originali (adattandoli ai telespettatori greci), dopo il suo soggiorno negli Stati Uniti. Programmi come La Ruota della Fortuna (versione greca), e Gli Uomini Oi Oi Kai Den sono, da anni, tra i 10 programmi più visti. Cartoni animati sono offerti al mattino. Si tratta di produzioni greche, lontane dai manga giapponesi. I news-magazine e i programmi di lifestyle come Studio mi Thea ora sono trasmessi durante i fine settimana.

Libri sulle serie tv: arrivano quelli di Lost, I Cesaroni e Ugly Betty

Per tutti i fan sfegati dei telefilm, sono usciti i primi tre volumi di Entertainment now! – La prima guida alle serie di culto, una collana di Coniglio Editore dedicata ai fenomeni televisivi del momento. Ogni manuale cerca di analizzare con uno sguardo a tutto tondo, i telefilm più amati dal pubblico televisivo italiano. I primi tre libri sono dedicati a Lost, I Cesaroni ed Ugly Betty.

Lost. Perduti nel tempo e nello spazio Scritto da Dario Mattaliano, è interamente dedicato alla serie televisiva americana più innovativa degli ultimi anni. Il libro, dopo un’introduzione alla serie, agli autori J.J. Abrams e Damon Lindelof, e ai temi ricorrenti del telefilm, propone una sezione itinerante per ripercorrere le vicende delle prime cinque stagioni, analizzandone poi tutti i protagonisti principali. Infine, una parentesi dedicata ai principali misteri dell’isolaun elenco dei DVD delle prime quattro stagioni e delle colonne sonore. Non mancano ricche fotografie degli attori e della location di Lost.

Serie tv, il futuro è a pagamento?

2009 fuga dalla televisione: un argomento più volte affrontato in passato di cui torniamo con piacere a parlare in vista del prossimo autunno televisivo, cosa ci aspetta avete già avuto modo di leggerlo nelle anticipazioni, sarà forse per questo che una buona percentuale di pubblico si prepara a fare le valigie virtuali per spostarsi verso altri lidi dove si respiri una qualsivoglia aria di novità: internet? Il satellite? Il dtt a pagamento? Le alternative ci sono e abbondanti, una cosa è certa la cosiddetta tv generalista è sempre più destinata a una programmazione di seconda scelta soprattutto per quanto riguarda film e telefilm, mentre lo spettatore suo malgrado dovrà mettere mano al portafogli per seguire i nuovi episodi delle proprie serie preferite.

Un panorama desolante che fa tremare le grandi Aziende Televisive titolari dei canali generalisti, dove da un lato c’è, Mediaset, che cerca di rimpinguare le casse dissanguate dall’investimento nell’esclusiva con le major americane, mentre la Rai tenta (non si sa bene come) di colmare il buco lasciato dai mancati introtiti dopo la fine dell’accordo con Sky, dall’altro le stesse società si trovano a dover tenere alta l’attenzione sui propri palinsesti infarcendoli di programmi arcinoti e reality tirati per la giacchetta fino allo stremo, vedi il Grande Fratello che quest’anno durerà cinque mesi. Quanto riusciranno nell’impresa non è dato di saperlo, di certo la deriva della nave Lost è un classico esempio di come le anteprime azzerino il gradimento di trasmissioni che godono di un certo seguito.

Lost, la quinta stagione da stasera su Raidue

Questa sera alle 21.05 su Raidue torna la serie cult Lost con la quinta stagione (tre episodi ogni lunedì), terminata da poco tempo su Fox. Per tutti gli amanti della serie di J.J.Abrams, si preannuncia una calda estate lostiana, carica di colpi di scena e mistero e qualche segreto rivelato.

La quinta stagione è di 17 episodi, ed ogni episodio è carico di valori simbolici, alcuni legati al passato, altri legati all’isola e ai suoi abitanti,  nuovi e vecchi.

Emmy 2009, tutte le nomination: 30 Rock, Mad Men e Grey Gardens fanno incetta di candidature!

Sono state annunciate le fiction americane che concorreranno agli Emmy Awards 2009, i riconoscimenti assegnati dalla Academy of Television Art & Sciences, che verranno consegnati il 20 settembre a Los Angeles durante la cerimonia ufficiale presentata da Neil Patrick Harris (tra l’altro candidato come miglior attore non protagonista!).

Anche quest’anno a farla da padrona sono, tra le comedy 30 Rock, che ha ricevuto ben 22 nomination e tra i drama Mad Men (16 candidature). Non mancano nemmeno in questa edizione le nomination a Dr. House, Lost, Dexter e Damages. Tra i film tv Grey Gardens comanda con 17 nomination.

Vediamo insieme tutti i candidati:

Matthew Fox, Damon Lindelof, Carlton Cuse e Jack Bender da Lost al Romafictionfest 2009

Quest’oggi al Romafictionfest è stato il giorno di Lost: Damon Lindelof (ideatore, autore e produttore esecutivo), Carlton Cuse (autore e produttore esecutivo), Jack Bender (regista e produttore esecutivo) e in un secondo momento Matthew Fox, hanno incontrato i giornalisti e i numerosi fan della serie accorsi da tutta Italia.

Riguardo la sesta stagione della serie è stato detto ben poco (e ve lo riportiamo integralmente su Serietivu, dove potete vedere anche alcune foto scattate agli ospiti dell’incontro), ma si è parlato molto della fiction in generale. Ecco cosa è stato detto:

Lindelof: Noi non abbiamo mai voluto parlare molto della serie per lasciare spazio ai fan di confrontare le proprie ipotesi sul web.

Cuse: All’inizio pensavamo che Lost non avrebbe mai funzionato. Dopo il pilot abbiamo pensato di fare solo 12 episodi, quelli più piacevoli e divertenti e abbiamo tentato di realizzare una serie che fosse completamente diversa da tutte le altre.

Saturn Awards 2009: Lost miglior serie, a Battlestar Galactica tre premi

Sono stati assegnati i trentacinquesimi Saturn Awards, i premi conferiti dalla Academy of Science Fiction, Fantasy and Horror Films ai migliori film e serie tv del genere.

Seppur, la storia si sia ripetuta e  il premio come miglior serie televisiva sia stato nuovamente ritirato da J.J. Abrams per Lost, in questa edizione ha trionfato Battlestar Galactica con tre premi: miglior serie via cavo, miglior attore Edward James Olmos e migliore attrice Mary Mcdonnell.