Trilussa, riassunto e critica della seconda puntata

di Valentina Petulla Commenta

Avevo un’amichetta, Giselda, docile come un fiore, che io chiamavo « mia vita, mia vita » e le ho capovolto e spezzato il nome a metà. Si chiamava Giselda: ora, infatti, si chiama Leda Gys.

E’ così, parlando di Giselda, che cala il sipario su Trilussa e la sua avventura. Ieri sera è andata in onda la seconda parte di Trilussa, storia d’amore e di poesia con Michele Placido, che ha ottenuto 6.616.000 di spettatori, un ascolto altissimo per una storia ben orchestrata.

Riassunto e critica: Nel  secondo appuntamento vediamo  Trilussa  a colloquio con Mussolini. Il poeta riceve un avvertimento per la sua condotta e se la cava con una dedica sul libro di fiabe del figlio del duce. Scampato al pericolo rincontra Giselda sul set di un filmaccio ( al quale Trilussa decide di collaborare per raccimolare un po’ di soldi ) qui il poeta  decide di lasciar stare il film e riprendere il lavoro lasciato a metà con Giselda: la trasformerà in una diva. Nel frattempo la rete fascista di Longarini e Carlacci si stringe attorno al povero Arturo e al suo gruppo: Soprattutto Carlacci innamorato di  Giselda, la vuole solo per lui e cerca d’impedire con ogni mezzo la relazione con Arturo. Ma l’imprevisto è sempre a un passo.  Giselda infatti  nonostante sia molto legata ad Arturo,  prova un profondissimo affetto  per Trilussa e un giorno parlando con  Rosa inavvertitamente lo confessa anche al ragazzo che, disperato, decide di agire contro il regime in un atto dimostrativo. Carlacci lo scopre e prima che Arturo possa difendersi gli mette in tasca una pistola: Arturo viene arrestato con la gravissima accusa di attentato a Mussolini. Trilussa cerca di liberarlo  tramite  Papa Pio XI e Giselda, preoccupata, pur di salvare Arturo  cerca d’imbonirsi lo squallido Carlacci cedendosi a lui. Questi architetta un  funambolico piano  in cui organizza la morte di Arturo.   Trilussa manda a monte entrambi i loro piani, facendo fuggire Giselda e Arturo in Francia.

Ci ritroviamo poi nel 1951 dove  Rosa incontra ad un asta una ricca e famosissima diva  che in realtà è Giselda, ora diventata Leda Gys . Si chiude così una storia che ci emoziona e riporta alla nostra memoria la figura irriverente e libera di un sommo poeta, sullo sfondo di una Roma di un tempo più combattiva e autentica.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>