David Copperfield, da questa sera su Raiuno

Questa sera alle 21.30 su Raiuno va in onda la prima delle due parti della miniserie David Copperfield: Rai Fiction in collaborazione con Rizzoli Audiovisivi riporta in scena l’omonimo romanzo di Charles Dickens a oltre quarant’anni di distanza dallo sceneggiato Rai (diretto da Anton Giulio Majano, con Giancarlo Giannini, Anna Maria Guarneri, Laura Efrikian e Ubaldo Lay), per raccontare una storia che le nuove generazioni pare non conoscano.

Questa volta per la trasposizione televisiva di uno dei più popolari romanzi dell’Ottocento (scritta da Salvatore Basile, Francesco Arlach, Francesco Balletta), quello che narra la storia di un giovane orfano di padre dall’infanzia infelice che crescendo trova l’amore e la felicità, la Rai si è affidata al regista di Ovunque tu sia e Artemisia Sanchez, Ambrogio Lo Giudice.

Il cast della fiction è formato da nomi a cui i telespettatori sono affezionati come Giorgio Pasotti (David Copperfield), Maya Sansa (l’innamorata Agnes Wickfield), Gianmarco Tognazzi (l’ambiguo e viscido Uriah Heep), Stefano Dionisi (Edward Murdstone), Chiara Conti (la spensierata madre di David), Larissa Volpentesta (l’incantevole Emily) e Patrizio Roversi (Mr. Micawber) oltre all’esordiente attore Christian Frasacco (David Copperfield Bambino).

Mal’aria, riassunto seconda puntata

Nella seconda e ultima puntata di Mal’Aria, Don Bruno (Eros Pegni) viene assassinato come i due dottori e Carlo (Ettore Bassi), che si è ripreso dalla febbre, ne viene a conoscenza. Nell’ultima autopsia, Carlo  ritrova sul corpo del cadavere un dente. Bellenghi (Stefano Dionisi) riporta ad Elsa la notizia della morte del parroco e la ragazza va da Carlo, che la aggredisce dicendo che la Borda non esiste ed è soltanto un’invenzione del nonnno Corzani (Giorgio Biavati), che vuole avere il potere sul popolo.

Quest’ultimo ha intenzione di sacrificare i bambini ammalati alla Borda. Carlo informa i soldati della milizia nera, che chi ha ucciso il parroco ed i due dottori, in realtà non è altro che un animale (forse un orso) il quale se non viene fermato, continuerà ad uccidere.

Mal’aria, riassunto prima puntata

Ieri sera è andata in onda la prima puntata della miniserie Mal’aria.  Tommaso Rambelli e  sua moglie vanno a cavallo e si accorgono di una donna morta che tiene un bambino tra le sue braccia.  Decidono di comune accordo di portare il bambino a casa loro e di educarlo come un figlio. Il suo nome è Carlo, ed è l’unica cosa che ricorda della sua vita,poichè ha rimosso qualsiasi ricordo per un trauma subito a causa dell’acqua.

Carlo, (Ettore Bassi) diventato dottore, improvvisamente ricorda alcuni elementi importanti della sua infanzia. Il rapporto con i genitori adottivi sembra non essere dei migliori. Per invito del padre, Carlo va dal Merli, il quale gli chiede di andare a Ravenna per fare un’ispezione e verificare l’esistenza o meno della malaria.

Mal’Aria, il mistero arriva su Raiuno, foto e video

Questa sera su Raiuno alle 21.10 va in onda il film tv in due parti Mal’Aria, diretto da Paolo Bianchini, prodotta da Rai Fiction e realizzata da Massimiliano La Pegna e Pietro Lama per la Feelmax Srl.

La fiction, ispirata all’omonimo romanzo di Eraldo Baldini (definito lo Stephen King Italiano), racconta la storia di un ispettore ministeriale, il dottor Carlo Rambelli (Ettore Bassi), che nel 1925 viene mandato in missione a Spinaro, per fronteggiare una strana epidemia di malaria, che colpisce principalmente i medici del luogo e che la gente sussurra si debba ad una strega, la Borda, una donna che si oppone alla bonifica e che si dice sia capace di strangolare e azzannare ogni essere umano.

Durante le indagini Rambelli dovrà vedersela anche con le proprie paure, in particolar modo per quella dell’acqua, dovrà fronteggiare il capo delle camicie nere della Milizia Oreste Bellenghi (Stefano Dionisi) e riuscire a scoprire cosa nasconde Elsa (Sarah Felberbaum), una donna molto ambigua.

Una madre: seconda puntata

La vicenda difficile e drammatica incarnata nell’interpretazione della giovane mamma Maria (Violante Placido) precipita in modo vertiginoso, tenendoci sul fiato sospeso.

La fuga della piccola Greta (Clara Dossena) getta completamente nel panico la madre, già emotivamente provata. Per questo il ritrovamento della bambina rappresenta un improvviso, inaspettato e necessario sospiro di sollievo.

Non c’è molto tempo per riposarsi
, però. Maria e Greta sono una mamma e una figlia in fuga, ricercate su tutti i fronti. Il progetto di Maria è quello di superare la frontiera e poi di lasciare perdere le proprie tracce.

La Rai e le sue fiction autunnali: Violante Placido è la prezzemolina

Ieri vi abbiamo aggiornato su tutti i palinsesti autunnali della Rai. Oggi approfondiamo in maniera più accurata le fiction che vedremo da settembre sulle prime due reti pubbliche (fonte Sipra).
Fra serie, miniserie e collana di tv movie, c’è veramente l’imbarazzo della scelta: tanti titoli, argomenti vari (dalle biografie di personaggi famosi alle storie d’amore, dalle indagini della polizia alle corsie di un ospedale), promettono allo spettatore emozioni sempre differenti e di qualità.
Protagonista assoluta dell’autunno dovrebbe essere Violante Placido, presente in ben tre fiction differenti, nei panni di una giovane prostituta in Una madre, nella favola di Pinocchio e nella biografia di Einstein.

Weekend al cinema: invasione Verdone e due documentari

Weekend di Marzo all’insegna dei film italiani: su 7 pellicole in uscita ben 5 sono del nostro Paese, di cui due documentari. Sembra che qualcosa stia cambiando, ma non lasciamoci ingannare: come abbiamo anticipato in un precedente post, Carlo Verdone si è accaparrato più di 800 sale e questo potrebbe essere il motivo per cui ci sono così tante pellicole italiane (perché chiedono solo di essere fatte vedere e non chiedono tante proiezioni).

Il film sicuramente più atteso è Grande, grosso e Verdone, ma attenzione anche alla commedia Lezioni di felicità e a Cenerentola e gli 007 nani, seppur pare abbastanza evidente che questa settimana sia stata costruita apposta per far scegliere al pubblico cinematografico o Verdone o… Verdone.

Andiamo a conoscere meglio i sette titoli, che troveremo nelle sale italiane da oggi:

Marzo 2008 al cinema: tanti titoli, ma pochi interessanti. Verdone pensaci tu!

Il mese di Marzo, non regala titoli di primo piano, forse per dar spazio ancora al cinema ai film vincitori degli oscar usciti nelle ultime due settimane di febbraio. Risulta, quindi, abbastanza difficile potervi suggerire dei titoli da guardare. Per gli amanti del cinema italiano, bisogna sperare che Grande, grosso e Verdone, il nuovo film diretto da Carlo Verdone, non tradisca le attese (come è capitato con Il ritorno del monnezza e l’allenatore nel pallone 2, solo per fare dei nomi). Attenzione anche a Colpo d’occhio, il thriller diretto e interpretato da Sergio Rubini, al ritorno di Vaporidis con Questa notte è ancora nostra e al nuovo film di Paolo Virzì, Tutta la vita davanti, con Sabrina Ferilli.

Fra i film stranieri credo sia giusto citare il thriller Onora il padre e la madre di Sidney Lumet, che oltre ad avere un ottimo regista, sembra avere una storia interessante e un cast di primordine, I padroni della notte con Joaquin Phoenix e al debutto cinematografico di Norah Jones nel film Un bacio romantico, con, tra gli altri, Jude Law e Natalie Portman.

Vediamo insieme tutti i titoli in uscita a Marzo. Tra parentesi genere, regista e attori: