Weekend al cinema: invasione Verdone e due documentari

di Redazione 2

Weekend di Marzo all’insegna dei film italiani: su 7 pellicole in uscita ben 5 sono del nostro Paese, di cui due documentari. Sembra che qualcosa stia cambiando, ma non lasciamoci ingannare: come abbiamo anticipato in un precedente post, Carlo Verdone si è accaparrato più di 800 sale e questo potrebbe essere il motivo per cui ci sono così tante pellicole italiane (perché chiedono solo di essere fatte vedere e non chiedono tante proiezioni).

Il film sicuramente più atteso è Grande, grosso e Verdone, ma attenzione anche alla commedia Lezioni di felicità e a Cenerentola e gli 007 nani, seppur pare abbastanza evidente che questa settimana sia stata costruita apposta per far scegliere al pubblico cinematografico o Verdone o… Verdone.

Andiamo a conoscere meglio i sette titoli, che troveremo nelle sale italiane da oggi:


Grande, grosso e Verdone è una commedia, diretta da Carlo Verdone, con Carlo Verdone (che per chi non lo conoscesse è quell’attore/regista romano che ha fatto Un Sacco Bello, Bianco Rosso e Verdone e ultimamente Il mio miglior nemico), Claudia Gerini (già sua compagna in Viaggi di nozze e Sono pazzo di Iris Blond) e Geppi Cucciari (comica conosciuta per aver partecipato a Zelig). Il film è diviso in tre storie: nella prima, Leo e la sua famiglia devono partecipare ad un raduno di boy scout, ma la madre anziana di lui muore e li costringe a rimanere a casa per organizzare il funerale; nella seconda, il figlio ventenne di un professore universitario, incapace di intrattenere rapporti con il gentil sesso, si trova a dover affrontare un appuntamento al buio creato dal padre; nella terza, una coppia benestante, dal rapporto amoroso ormai stanco e finito, va in vacanza al mare per ritrovare la complicità di un tempo, ma trova altro.

Biùtiful cauntri è un documentario, diretto da Esmeralda Calabria (montatrice di Romanzo Criminale e Il caimano), Andrea D’Ambrosio (Pesci combattenti), Peppe Ruggiero, che ci accompagna, con un’ora e dieci di testimonianze e riflessioni, alla scoperta delle reali motivazioni del problema rifiuti in Italia, principalmente dettati dall’incapacità delle istituzioni e dalla grande libertà di operare della malavita.

Cenerentola e gli 007 nani è un film d’animazione, diretto da Paul J. Bolger (alla sua prima esperienza alla regia) e prodotto dai creatori di Shrek e Shrek 2. Il film narra la storia di Ella, una ragazza che, mettendosi a capo della resistenza, contrasterà la Matrigna, che, nel Paese delle Favole, ha preso il potere, sfruttando l’allontanamento del mago che gestisce l’equilibrio fra bene e male e difende il lieto fine.

Family game è un film drammatico, diretto da Alfredo Arciero (Dio c’è), con Sandra Ceccarelli (Il mestiere delle armi, Piano solo, Tu la conosci Claudia?), Stefano Dionisi (Farinelli – Voce Regina, Sostiene Pereira, Il partigiano Johnny), Fabio Troiano (Cardiofitness, Santa Maradona, Il giorno + bello), che racconta la storia di Vittorio, la sua famiglia e la sua bella vita, e del suo rapporto con il fratello Andrea ex tossicodipendente, un legame difficile e che stenta a decollare, data la differenza di vedute dei due ragazzi.

Lezioni di felicità è una commedia, diretta da Eric-Emmanuel Schmitt (grande scrittore e drammaturgo teatrale al suo esordio come regista cinematografico), con Catherine Frot (La cena dei cretini, La voltapagine) e Albert Dupontel (Irréversible, Una lunga domenica di passioni), che narra dell’incontro di uno scrittore di successo insoddisfatto con una commessa che vive in una casa popolare e di come le loro vite subiranno un cambiamento proprio a causa del loro casuale conoscersi.

Sonetàula è Drammatico, diretto da Salvatore Mereu, con Francesco Falchetto, Manuela Martelli, ambientato in Sardegna tra il 1937 e il 1950. Sonetàula è un pastore di 12 anni. Da quando ha 18 anni è costretto alla latitanza e al brigantaggio, per via di un diverbio con un altro pastore. Sonetàula è il racconto di una Sardegna, fatta di tradizioni che si confrontano col progresso.

Vogliamo anche le rose è un documentario, diretto da Alina Marazzi (Un’ora sola ti vorrei, Per sempre), sui primi passi del movimento femminista, datati anni sessanta/settanta, e sulla sua importante azione a favore del cambiamento e dei diritti delle donne. A raccontare l’evoluzione, Anita Caprioli, Teresa Saponangelo e Valentina Carnellutti.

Ora li conoscete. A voi la scelta. Buon cinema e buon weekend!

Commenti (2)

  1. …Verdone, Gerini, inflazionati al massimo.
    Cenerentola e gli 007 nani, un film d’animazione sicuramente da vedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>