Concerto del primo maggio su Raitre: il programma

Dieci “baluardi” della storia del rock, dieci visual che scorreranno su un grande led, un’orchestra e una ‘resident band’ dirette da Mauro Pagani, tre palchi in movimento, due presentatori d’eccezione, un’anteprima con i giovani artisti emergenti: sono queste alcune novità in numeri dell’edizione 2012 del Concerto del Primo Maggio che torna sul palco di Piazza San Giovanni a Roma per un’altra grande giornata in musica.

Ascolti Tv domenica 1 maggio 2011: Speciale Porta a Porta – Una vita da santo vince la serata grazie a 3.600.000 spettatori

Fondamentalmente, una sfida alla pari, quella consumatasi tra le due reti ammiraglie, con il talk show Il senso della vita che ha visto aumentarsi notevolmente le chance di vittoria, avendo dinanzi a sè un altro talk, lo speciale di Porta a Porta sulla beatificazione di Karol Wojtila. Il programma di Canale5, firmato Paolo Bonolis e Luca Laurenti, ha perso anche ieri sera, non prendendo, però, una batosta e con gli ascolti in leggera ascesa: 3.316.000 spettatori, pari a uno share del 15,39%. La trasmissione condotta da Bruno Vespa, invece, permette a Rai1 di aggiudicarsi la serata grazie al minimo indispensabile: 3.650.000 spettatori, con uno share pari al 15,75%.

Per quanto riguarda lo scontro diretto riguardante le reti cadette, invece, il doppio serial, come di consueto offerto dalla seconda rete di Stato, ottiene l’ennesimo eccellente risultato ai danni di Italia1. Si inizia con l’episodio di NCIS, intitolato Amici nemici, visto da 3.047.000 spettatori, con uno share dell’11,58%, e si continua con l’episodio di Hawaii Five-0, intitolato Fede, seguito da 2.914.000 spettatori, con uno share dell’11%. La rete giovane Mediaset ha risposto a Rai2 con il film d’avventura, 10.000 a.C., con Camille Belle e Steven Strait, che si è difeso come ha potuto, conquistando 2.363.000 spettatori, con uno share pari al 9,58%.

Gli appassionati irriducibili di Tempesta d’amore si sono riuniti nuovamente davanti ai teleschermi per la serata speciale composta da 3 episodi, trasmesse, ormai abitualmente, la domenica sera su Rete4. Gli spettatori di ieri sono stati, per l’esattezza, 1.706.000, pari a uno share del 6,86%. Un numero non utile, però, per sconfiggere il Concerto del Primo Maggio, in onda su Rai3 e condotto da Neri Marcorè, che è stato seguito in tv da 2.562.000 spettatori, con uno share pari all’11,19%. La7, infine, ha puntato su un grande film, Il gattopardo, di Luchino Visconti, con Burt Lancaster e Claudia Cardinale, che ha interessato 958.000 spettatori, pari a uno share del 5,65%.

Il colore delle parole per un primo maggio tutto l’anno

Diciottesimo appuntamento del 2010 con le riflessioni di Riccardo Cresci, volto giovane, noto al pubblico di Sky Tg 24, riguardanti la televisione italiana. Oggi Riccardo parla del Primo Maggio.

Puntuale più dell’allergia stagionale arriva il mese di maggio e con sé anche il grande concertone che ogni anno accompagna il primo giorno nel quinto mese dell’anno. Appuntamento irrinunciabile per molti, eludibile per altri, ricco di significato, eppure sembra ormai quasi un dovere festeggiare un simbolo così ingombrante in una giornata altrettanto importante per gli Italiani.

La festa del lavoro mi ricorda da sempre l’inizio delle belle giornate, il grande caos in Piazza San Giovanni a Roma, migliaia di voci urlanti, magari sotto un sole cocente, sì per divertirsi, ma soprattutto per chiedere ed urlare aiuto.

Tante regioni d’Italia festeggeranno questo evento con l’aiuto dei sindacati che promuovono da anni questa battaglia per i diritti di tutti. Sono passati anni ormai e i concerti si sono susseguiti, ma le richieste sono sempre le stesse, uno sventolio di bandiere, canti o rivolte per un Italia più giusta, ma alla fine sembra sempre di essere ai nastri di partenza. Quasi impotenti in un nazione che vede i giovani cullarsi sugli anni, i mesi, i giorni. Ormai è quasi abitudine e rischiamo di coinvolgere nel turbinio di una routine poco varia e brillante, una manifestazione che dovrebbe prendersi carico di milioni di ragazzi ma non solo, in vera difficoltà, magari perché non soddisfatti dalla loro dimensione di vita e lavoro.

Concerto Primo Maggio 2010 su Raitre: il programma

Quest’oggi in Piazza San Giovanni a Roma si terrà il tradizionale Concerto del Primo Maggio, che verrà seguito in diretta da Raitre e Radio2. L’edizione di quest’anno, che ha come tema artistico “Il colore delle parole” (ispirato ad una delle più intense poesie di Edoardo De Filippo), sarà condotto per la prima volta da una donna, l’attrice Sabrina Impacciatore, che avrà come valletti gli attori Rolando Ravello, Carlotta Natoli, Claudio Santamaria, Elio Germano e Francesco Montanari (tutti impegnati a leggere alcune lettere di migranti).

Ad intrattenere il pubblico presente nella Capitale e quello a casa nella lunga maratona musicale che si concluderà dopo la mezzanotte ci saranno tra gli altri (assente rispetto a quanto annunciato in conferenza stampa Irene Grandi): Baustelle, Simone Cristicchi, Roy Paci & Aretuska, Paolo Nutini, Samuele Bersani, Nina Zilli, Edoardo Bennato, Asian Dub Fundation, Tre allegri ragazzi morti, Funk off, Beppe Voltarelli e Alfio Antico, gli ensemble Beautiful (Gianni Maroccolo, Cristiano Godano e Howie B) e, sorpresa dell’ultima ora, Massimo Ranieri (che interpreterà la poesia E pparole). In chiusura si esibiranno Carmen Consoli, che imbraccerà per l’occasione un basso invece della tradizionale chitarra, e Vinicio Capossela, che si esibirà in un set di 40 minuti, affiancato da Enzo Del Re. Alle 20.00, inoltre, sul palco ci sarà spazio, per la prima volta, anche per un’orchestra, la Grande Orchestra sinfonica Roma Sinfonietta, composta da 61 elementi e diretta da Francesco Lanzillotta.

Concerto Primo Maggio 2010: conduce Sabrina Impacciatore, tra i cantanti ci saranno Carmen Consoli e Paolo Nutini

Il Concerto del Primo Maggio, che si terrà anche quest’anno in Piazza San Giovanni a Roma, sarà condotto per la prima volta da una donna: l’organizzazione ha scelto come presentatrice della maratona musicale Sabrina Impacciatore.

Il concerto, che avrà come tema artistico Il colore delle parole (ispirandosi alla poesia di Eduardo De Filippo), proporrà ai migliaia di spettatori provenienti da tutta Italia e ai telespettatori di Raitre (in diretta dalle 16.00 del pomeriggio fino a dopo la mezzanotte, per la regia di Stefano Vicario) una ventina di artisti pronti a regalare emozioni a suon di musica (senza contare i gruppi che si esibiranno nel pre-concerto, condotto anche quest’anno da Paolo Belli).

Tra i cantanti che hanno già confermato la loro presenza si segnalano: Vinicio Capossela, Carmen Consoli, Irene Grandi, i Bud Spencer Blues Explosion, la star scozzese Paolo Nutini e un orchestra sinfonica di sessanta o settanta elementi che accompagneranno un pianista famoso.

Concerto del primo maggio: ci sarà Vasco Rossi

Quest’anno al Concerto del primo maggio si esibirà Vasco Rossi: può sorridere Raitre, che trasmetterà l’evento e soprattutto milioni di italiani amanti della musica che potranno vederlo live gratis o comodamente da casa.

La notizia assume maggior importanza se si aggiunge il fatto, che il concerto ventennale romano sarà l’unica esibizione dal vivo del rocker nel 2009.

La manifestazione musicale, che tratterà il tema “Il mondo che vorrei”, sarà condotta dall’attore e regista Sergio Castellitto, che potrebbe aver facilitato l’operazione degli organizzatori per avere Vasco a dieci anni dalla sua ultima apparizione a San Giovanni, dato il rapporto di amicizia tra i due, che hanno collaborato a Non ti muovere.

Ascolti Tv: Giovedì 1 maggio – Vince, di poco i Cesaroni. Male un ciclone in famiglia. Grande La7

Anche oggi, vi racconteremo la televisione in numeri, attraverso i dati sugli ascolti ricavati dai comunicati stampa ufficiali Rai e Mediaset, dati che possono aiutarci a capire il gusto del pubblico (anche se ho i miei dubbi) e a valutare l’evoluzione dei palinsesti televisivi.

Vi voglio ricordare che la percentuale è riferita alla quota di mercato (share) riferita al target commerciale 15-64 anni, mentre il numero di spettatori è il numero riferito all’intera totalità dei telespettatori.

Ieri vince giornata e serata I Cesaroni, su Canale5, con quasi 5 milioni e mezzo di spettatori (in calo rispetto alle settimane precedenti, causa ponte?). Capri, su Rai1, rischia di battere la corazzata di Amendola, ma ottiene centomila spettatori in meno. Malissimo Un ciclone in famiglia, che supera di poco i tre milioni (quando finiranno I Cesaroni la cancelleranno?). Terza rete della prima serata, ancora una volta (di giovedì) Rai2 con Anno Zero. Prima di Italia1, che trasmetteva il film con Will Smith Bad Boys 2 (13% di share) e del pessimo ascolto del concerto su Rai3 (poco più del 4% di share), si è piazzata la sfortunata partita Fiorentina – Glasgow Rangers, trasmessa da La7, che è stata seguitissima dagli amanti del calcio in televisione (14,25% di share e oltre 3 milioni e 200 mila telespettatori). Non pervenuto il risultato di Panic Room su Rete4.

Primo maggio: l’altra faccia del concerto

Ieri, in piazza San Giovanni a Roma, si è tenuto il consueto concerto del Primo Maggio, organizzato dai sindacati dei lavoratori, apprezzabile per il messaggio (lavoro sicuro, lavoro dignitoso, lavoro giusto) e le esibizioni live (peccato per il così poco tempo dedicato a Elio e le storie tese), un po’ meno per il contorno.

Tutto ciò che non avete potuto vedere in televisione nella maratona di Rai3, iniziata alle sedici e finita verso l’una, tutto ciò che vi immaginate, ma che nessuno vi dice, ve lo racconto io, il vostro testimone.

E’ inutile che mi soffermi sul clima festoso che ha circondato la manifestazione, sulla numerosa presenza di ragazzi e ragazze di tutta Italia (si parla di un milione di persone, ma personalmente non mi sembravano così tante). Voglio soffermarmi su tutto ciò che non è andato, come la sporcizia, la speculazione dei negozi intorno alla piazza e dei chioschetti (autorizzati?) e soprattutto (credo che sia il vero tasto dolente nella giornata dedicata ai lavoratori) il lavoro nero.