Home » USA Network, the hit factory

USA Network, the hit factory

Il canale di Law & Order CI e Monk, potrebbe essere identificato cosi Usa Network, la rete via cavo statunitense che fa della messa in onda di serie prestigiose e eventi sportivi, i propri cavalli di battaglia. Nato il 27 settembre 1977 con il nome di Madison Square Garden Network, assume quello attuale nel 1980. Di proprietà di una compartecipata Time Warner-Paramount Pictures nel 1987 viene acquistato dalla MCA/ Universal. Nel corso degli anni Usa Network cambia ancora gestione passando nel 1991 alla Matsushita e alla Seagram nel 1995, mentre il passaggio sotto l’attuale marchio NBC Universal avviene nel 2004.

Usa Network deve il suo successo a trasmissioni sportive come i tornei di golf e gli U.S Open di Tennis, dal 2004 anche le Olimpiadi entrano a far parte del suo ricco palinsesto, per 17 anni la boxe è stata rappresentata in particolare dallo show USA Tuesday Night Fights, mentre con il nuovo millennio è il wrestling a conquistare il pubblico televisivo. Usa Network trasmette nel 2000 gli incontri della World Wrestling Entertainment Inc, la messa in onda viene sospesa per poi essere ripresa nel 2005 fino ad oggi.

Prima di passare alla concorrente ESPN, la rete via cavo (ora anche satellitare) ha seguito dal 1982 al 2007 ogni aprile l’apertura dei Masters di golf. Il 3 ottobre 2007 è stato lanciata una rete in HD, mentre all’inizio di quest’anno il canale ha acquisito dalla Universal Pictures i diritti in esclusiva per 200 milioni di dollari riguardo 24 anteprime cinematografiche.

Il successo di Usa Network è dovuto alla messa in onda di numerose serie tv in cima al gradimento del pubblico, tra cui, oltre a quelle già citate, alcune acquistate da altre reti come House Md dalla Fox e NCIS dalla CBS, oltre alle produzioni nate in seno al canale ovvero Burn Notice con Jeffrey Donovan trasmessa in Italia da Fx su Sky, Psych in onda da noi su Steel e Retequattro e il serial medico inedito per l’Italia Royal Pains con Mark Feuerstein.

Bonnie Hammer il presidente di Usa Network, può essere soddisfatta per la resa del suo canale in fatto di audience, nel marzo scorso la rete è stata per l’undicesimo trimestre in cima alla classifica delle cable tv più seguite con 3,2 milioni di telespettatori di media a sera, al punto da meritarsi i titolo di “hit factory”, fabbrica di successi.

Lascia un commento