Preferisco il paradiso, riassunto prima puntata

Ieri sera è andata in onda la prima puntata di Preferisco il paradiso. Corre il XV secolo e Filippo Neri (Gigi Proietti), è un prete che ha intenzione di andare a Roma per poi arrivare alla meta finale (nelle Indie). Il prete va predicando l’amore di Dio a molti orfani, tra cui un certo Pierotto (Niccolò Senni).

Un altro dei bambini il cui nome è Mezzapagnotta (Mariano Matrone) è adirato con Pierotto per il suo avvicinamento al prete e lo punisce facendolo dormire al freddo e sotto la pioggia. Il piccolo Pierotto inizia a stare molto male per la notte trascorsa fuori. Mezzapagnotta e gli altri orfani sono disperati per le sue aggravate condizioni di salute e lo portano da Filippo credendo sia morto. In realtà, il bambino sta molto male.

CineTV Oggi: programmi televisivi 7 Giugno

Buongiorno e benvenuti alla rubrica CineTV Oggi. Diamo subito un’occhiata a ciò che potremo vedere in televisione nelle prossime 24 ore.

Rai 1
Da oggi torna Lineablu (14.00), l’appuntamento di Rai 1 con il mare condotto come sempre da Donatella Bianchi (che ne è anche l’autrice con Marco Zavattini e Sergio Nuti). La puntata di oggi è dedicata alla Sardegna. A seguire Quark Atlante (15.45) dal titolo La danza della vita. Nella puntata di A Sua Immagine (17.10) si parlerà di dispersione scolastica. Alle 18 iniziano gli Europei di calcio (ma di questo ne parleremo meglio nella rubrica dedicata) con Svizzera – Repubblica Ceca e in prima serata Portogallo – Turchia (20.45). In seconda tarda serata andrà in onda il primo speciale Uto Ughi racconta la musica (0.00).

Recensione: Natale in Crociera

Come promesso nel precedente post, parliamo di quello che sarà quasi sicuramente il re dei botteghini questo natale: Natale in Crociera. Sembra di sparare sulla croce rossa quando si parla di titoli del genere, eppure la legge degli incassi ogni anno dà ragione a chi produce questi film (Luigi e Aurelio De Laurentis), quindi qualcosa di buono deve pur esserci sennò dovremmo gridare al miracolo di S.Antonio.

Il film narra due storie differenti, una interpretata dal gruppo De Sica-Brilli-Yespica-Siani, l’altra dal gruppo De Luigi-Hunziker-Mancini-Aiello, che si incontrano qualche volta, senza mai mescolarsi: in pratica il film si potrebbe dividere in due minifilm e la trama non avrebbe ripercussioni.

De Sica, come ogni anno, interpreta un ricco uomo romano (Paolo) con una moglie che non sopporta più, Nancy Brilli (Francesca), e come ogni anno cerca di portare avanti la relazione con la propria amante, quest’anno Aida Yespica (Magda), finendo per perderla. E Siani? Lui, che fa la parte del fratello napoletano della Brilli (Felice), è il classico terzo incomodo che alla fine del film se la gode.

TV mattone grazie al cinepanettone

 

Si avvicina il Natale e con le feste arrivano i nuovi classici del cinema Italiano: i cinepanettoni. Cosa sono? Sono quei film che escono durante le festività e che invadono, per la loro promozione, tutti i programmi televisivi delle settimane precedenti, ricordandoci così che gli autori televisivi sono andati già in vacanza, per lasciare spazio ai messaggi promozionali.

Ogni anno è così e non si scappa. I palinsesti cambiano perché ci sia spazio per tutti senza scontentare nessuno, perché gli attori dei cast dei suddetti film possano presenziare i programmi, proporre le loro gag, che ha distanza di anni sono abbastanza simili, e lanciare il trailer.

Il fenomeno, pari soltanto all’uscita di un libro di Bruno Vespa, potrebbe essere interessante per provare a fare una piccola caccia all’errore durante le interviste degli attori, ma ahimè, le risposte sono sempre le stesse. Di contro è rassicurante perché non risultano mai contraddittori (vi immaginate l’ottimo Pieraccioni che parla della sua partner definendola prima bellissima e poi un cesso che cammina? O De Sica che parla della Hunziker e per sottolinearne la bravura ricorda il film che fece con Alberto Tomba, Alex l’Ariete? Così si che seguirei tutte le loro comparsate in Tv: almeno ci sarebbe un colpo di scena, no?) e soprattutto, sono spalleggiati ottimamente dal conduttore del programma che conferma la validità della pellicola e la consiglia a tutto il pubblico.