Le segretarie del sesto, riassunto prima puntata

di Monia Gelfo 1

Ieri sera è andata in onda la prima puntata de Le segretarie del sesto. All’interno di una compagnia di assicurazioni Aninas,  la dipendente Marcella Grassi (Gisella Burinato) informa la collega Costanza (Tosca D’Aquino) che hanno mandato un’ispettore da Milano per verificare l’andamento della compagnia. Miranda (Antonia Liskova), altra impiegata della compagnia prendendo un caffè al bar, discute del comportamento poco opportuno di Giovanna (Micaela Ramazzotti) che va dietro al Dottor Sabelli (cui fa da segretaria), uomo sposato e con figli.

Romeo Bartoli (Franco Castellano) si trova all’interno della compagnia per poter effettuare un colloquio di lavoro e lì incontra Agnese, una vecchia amica che cantava insieme a lui nel coro della chiesa. Agnese è molto preoccupata del fatto che la possano licenziare, ed il marito Guido (Marco Falaguasta) le consiglia di proporre all’uomo di fingere di essere un ispettore. Agnese fa la proposta a Romeo, promettendogli in cambio un posto di lavoro. Romeo non è molto convinto, ma accetta suo malgrado.Costanza ha una discussione con il suo datore di lavoro il Dottor Verbieri (Fabio Sartor), con cui ha una relazione da quindici anni, ma che non ha mai confessato alla moglie di avere un’amante, nè ha preso il provvedimento di lasciarla. Per questo motivo Costanza decide di troncare la relazione.

Miranda scopre, attraverso delle fotografie che lo ritraggono in atteggiamenti intimi con un’altra donna, che il marito la tradisce. Dopo un momento di forte sconforto, decide di invitare a pranzo Romeo Bartoli (gira la voce che lui sia un ispettore del lavoro).

Anche Agnese invita a cena a casa sua Romeo Bartoli. La vita di Agnese è molto frenetica e piena di impegni, uno dei quali è quello di andare a prendere a scuola il figlio di nome Carletto. Agnese arriva in ritardo e nota che a fare compagnia al figlio è un ispettore di polizia che la riprende per questa mancanza e le consiglia di non commettere più l’errore.

Costanza contatta telefonicamente la moglie del Dottor Verbieri (Mariella Valentini) per riferirle della relazione con suo marito, poi rinuncia a farlo. Alla festa di addio della collega Marcella, che si svolge all’interno del bar della compagnia, inizialmente non va nessuno, ma grazie all’intervento di Costanza, tutti vi partecipano.

Romeo va a casa di Agnese per la cena, e la segretaria gli rivela di aver cambiato idea sul compito che gli ha affidato, spiegandogli anche che non potrà garantirgli un posto di lavoro come aveva promesso. Romeo concorda con il suo pensiero a differenza di Guido, il quale vuole che Romeo continui nella sua messa in scena. Il giorno seguente Romeo si rende conto che Guido ha ragione e decide di voler seguire il suo consiglio.

Giovanna fa il possibile per farsi notare dal Dottor Sabelli, ma quest’ultimo non la degna neanche di uno sguardo. La ragazza scopre attraverso alcuni documenti lasciati dalla defunta madre e grazie a Giacomo di essere stata adottata. Stenta a credere a ciò che viene a sapere e questo rappresenta per lei un duro colpo.

Giacomo (Andrea Bosca) tenta di tirarle il morale, ma non è un’impresa semplice. Giovanna informa Miranda di essere stata adottata. Il Dottor Schisa (Fabio Camilli) è il candidato alla presidenza dell’agenzia, ma Miranda riferisce al Dottor Sabelli di aver trovato un modo per farlo arrivare in vetta, che consiste nel danneggiare il Dottor Schisa e di farlo attraverso Giovanna, che è completamente invaghita di lui. Il Dottor Sabelli (Fabio Troiano) dapprima non è d’accordo, ma alla fine decide di cambiare idea. Decide cosi di conoscere Giovanna e di invitarla a cena. La ragazza decide di accettare e non vede l’ora di uscire con lui.

Dopo aver trascorso insieme la serata, il Dottor Sabelli bacia Giovanna e trascorre la notte insieme a lei.

Commenti (1)

  1. complimenti una bella serie e complimenti anche alle segretarie….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>