Caccia al re, riassunto sesta puntata

di Redazione Commenta

Ieri sera è andata in onda la sesta puntata di Caccia al re. Sara si rende conto che c’è qualcosa che non va nella vita di Giacomo e Ludovica, ma Marco la tranquillizza non dicendole la verità per paura di perderla. Federico Muratti (Michele D’Anca) si trova in ospedale perchè viene colpito da un colpo di arma da fuoco. Giacomo sfida gli scagnozzi di Ivano Consanti (Stefano Dionisi). Continua a spacciare droga insieme a Girolamo, che viene arrestato. Il questore Piazza interroga quest’ultimo, ma non riesce a farlo collaborare.

Giacomo cerca di vendicarsi di coloro che l’hanno minacciato. Costruisce una bomba all’interno del locale di Consanti che esplode, provocando la morte di Franchino (Bruno Conti) e numerosi feriti. Manolo Bilotta (Libero De Rienzo) capisce che l’artefice di  tutto è proprio quel ragazzo che aveva minacciato tempo fa. Federico si sente meglio e viene scarcerato.

Il questore Piazza apprende che si sta festeggiando il compleanno di Federico. S’infiltrano all’interno della festa anche Daria Lucente (Raffaella Rea) e Mila Cerin (Alina Nedelea). Federico ringrazia per la festa il suo amico definendolo l’ottavo re di Roma, ma entrambe non riescono a capire di chi si tratti, anche se Daria ha modo di incrociare lo sguardo di Ivano.

Daria assiste involontariamente al suicidio di Federico. Tenta di fermarlo, ma ogni suo tentativo di disussaderlo è inutile. L’agente rimane sconvolta da quanto è accaduto. Daria è molto strana e Daniele non capisce perchè. Teme di aver sbagliato nei suoi confronti. Daria invece lo informa che è rimasta incinta. Daniele è contento di questa notizia.

Daniele ne approfitta per presentare Daria alla figlia Sara che l’ha raggiunto in questura. Sara, mentre sta nell’ufficio del padre, riconosce che lo zaino fotografato dai poliziotti è proprio quello di Giacomo, ma al momento non ne fa parola con nessuno. Sara chiede maggiori spiegazioni a Marco è quasi convinta che il suo ragazzo sapesse qualcosa di Giacomo e di quanto gli sta accadendo. Marco le dice stavolta la verità e le spiega che Giacomo e Ludovica in Spagna hanno comprato la droga, ma lui (inizialmente d’accordo con loro) si è poi tirato indietro. Sara è molto delusa da quanto gli viene raccontato e decide di lasciarlo. E’ arrivato anche il momento per Ivano e Manolo di dare una lezione a Giacomo e Ludovica. I due chiedono di Giacomo alla madre. La donna comprende che il figlio si è messo nei guai.

Finalmente Sara decide di informare il padre dell’identità di Giacomo. Daniele cerca di rintracciare Giacomo, ma inutilmente. Il ragazzo, infatti, viene raggiunto da Ivano e i suoi scagnozzi mentre è in compagnia di Ludovica e portato via. Giacomo, dopo essere stato duramente picchiato da Ivano e Manolo all’interno di un campo sportivo, viene ucciso. Il ragazzo viene ritrovato dalla polizia. Marco non può credere a quanto ha visto. La testimonianza di Ludovica permette di risalire a Ivano Consanti. Anche Daria si ricorda di lui, visto durante la festa di compleanno per Federico. Insieme alla sua squadra, Daniele perquisisce la casa di Ivano. Ormai l’ottavo re di Roma ha le ore contare.. Scopre, inoltre, il nastro della rapina fatta da lui e Federico quattordici anni prima, in cui ha perso la vita sua moglie.

Ivano sembra non essere in casa, ma il questore  non la pensa allo stesso modo e scopre un nascondiglio segreto in cui si trova Ivano. I due hanno finalmente un faccia a faccia. Ivano ammette di aver ucciso sua moglie, ma ribadisce che si è trattato di un incidente e inizia a sparargli contro alcuni colpi di pistola. Daniele, però, coperto dal giubbotto antiproiettili, riesce ad arrestarlo.

La storia si conclude con Daniele Piazza felice insieme a Daria, al figlio avuto da lei e a Sara e con Marco che fa domanda per entrare in polizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>