Recorder – Spin City

di Benedetta Guerra Commenta

Oggi per la rubrica recorder voglio parlarvi di una serie televisiva americana andata in onda dal 1996 al 2002: Spin City, ideata da Bill Lawrence & Gary David Goldberg e composta da 6 stagioni e 145 episodi.

Protagonista della sit è il grande Michael J.Fox, che veste i panni di Michael Flaherty, vicesindaco di New York e da sempre amante della politica in tutte le sue sfaccettature. Michael è il braccio destro del sindaco della Grande Mela, Randall Winston (Barry Bostwick), ed inoltre è colui che organizza e regola tutto lo staff composto da Stuart (Alan Ruck), sicuro di diventare il vicesindaco; James Hobert (Alexander Gaberman), il ghost-writer; la modella Nikki Faber (Connie Britton); Paul Lassiter (Richard Kind) addetto alla stampa; Carter Heywood (Michael Boatman), gay che ricopre il ruolo di assistente speciale negli affari delle minoranze; Janelle (Victoria Dillard), assistente amministrativa; Karen (Taylor Stanley) la stagista.

Oltre allo staff interno, e fuori dall’amministrazione di New York, Michael deve vedersela con altri personaggi dalla forte personalità che sono la sua fidanzata giornalista Ashley Schaefler (Carla Gugino) che tra l’altro non è una fan del Sindaco, la moglie del Sindaco, la first lady Helen Winston (Deborah Rush) e dalla quarta stagione con la fredda arrivista Caitlin Moore (Heather Locklear), a capo della campagna elettorale del sindaco.

Alla fine della quarta stagione, Michael J.Fox, a causa dell’Alzheimer ha dovuto lasciare il set, ed al suo posto è subentrato un nuovo personaggio Charlie Crawford, interpretato da Charlie Sheen.

La serie, differentemente dalle solite serie che s’ispirano alla politica, prende in giro il Primo cittadino della Grande Mela, facendolo risultare agli occhi dei telespettatori, oltre che degli altri personaggi, una persona non adatta alla sua mansione, inadeguata, incompetente e per nulla interessato alle questioni politiche e diplomatiche. A svolgere tutte le sue mansioni ci pensa Flaherty che oltre ad averne le capacità si destreggia benissimo tra gli avvoltoi della politica e fa credere al sindaco che le decisione le abbia prese solamente lui.

Con l’entrata di Sheen la serie ha poi preso una direzione più comica e la serie ha puntato molto sulla sua relazione amore odio con la fredda Caitlin Moore.

La sitcom ha visto entrare come guest-stars nel cast attori come Woody Harrelson, Luke Perry, Jason Priestly, Rosie O’Donnell, Marlee Matlin, Raquel Welch, Alyssa Milano, David Letterman, Jennifer Garner, Martin Sheen, la topmodel Heidi Klum, Paula Abdul, Peter Krause, Dakota Fanning, Scott Wolf, Farrah Fawcett, Courtney Thorne-Smith, Denise Richards, Queen Latifah, Michael Gross, Donald Trump, Lou Diamond Phillips; Priscilla Presley e Christopher Lloyd compaiono in un episodio in due parti.

La serie si è aggiudicata 2 Emmy Awards, 4 Golden Globes (3 a Michael J. Fox e 1 a Charlie Sheen), un GLAAD Media Award, un Genesis Award e un ASCAP Award.

Rispondi