Brotherhood

di Redazione 7

Oggi per la rubrica Recorder voglio parlarvi della serie tv Brotherhood creata da Blake Masters e prodotta da Blake Masters, Henry Bromell, Elizabeth Guber Stephen dal 2006 al 2008 e composta da tre stagioni e 29 episodi (stasera FX manderà in onda la seconda stagione).

La serie ambientata in un quartiere irlandese di Providence in Rhode Island, ha come protagonisti due fratelli completamente differenti, Tommy (Jason Clarke) e Michael (Jason Isaacs) Caffee, che nella vita hanno fatto scelte diverse, ma che inevitabilmente li portano ad incrociarsi … come mai?

Tommy è un politico, mentre Michael è un gangster mafioso, ma nonostante i due differenti percorsi di vita, s’incontrano spesso a causa di alcuni affari dove mafia e politica si aiutano.

Michael torna a Providence dopo un esilio di sette anni dalla città volto a ricominciare la sua vita, ma si rivelerà una bugia, poiché torna per riprendere in mano il comando della mafia locale, cercando però, di non creare problemi al fratello.

A causa delle loro differenti carriere, Tommy e Michael si troveranno spesso a scontrarsi in maniera animata, anche se a volte il legame di sangue sarà più forte delle divergenze di opinione

Intorno a loro ci sono due donne, Eleen(Annabeth Gish), la moglie di Tommy, che in realtà non è la donna che da a vedere alla gente, difatti fa uso di droghe ed ha una relazione con il postino all’insaputa di tutti, mentre la madre dei due fratelli Rose (Fionnula Flanagan) è una donna forte e caparbia, che per ostacolare i piani di Tommy, creerà grandi problemi nel rapporto tra Tommy e Michael.

Tommy con il passare del tempo sarà impegnato su due fronti, quello personale in cui cerca di salvare il rapporto con Eleen, nonostante entrambi siano consapevoli che ormai è tutto finito, e quello pubblico, in cui è alle prese con la sua rielezione.

Michael il mafioso sarà anche vittima di amnesia, ma la sua determinazione lo porterà a fare di tutto pur di recuperare la memoria, ma con il passare del tempo andrà in cura a causa della sua psicosi di paranoia e il suo narcisismo, mentre Tommy nonostante i tentativi di Paulo Carvallo (politico portoghese) di buttarlo fuori dalla politica, è ancora leader della maggioranza. Con la gravidanza di Eilleen Tommy cerca di rimettere la sua vita in ordine e nell’ultima puntata le propone di lasciare The Hill per ricominciare insieme una nuova vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>