I muri della vergogna a Tg7, la storia del piccolo Daniele a Ndp, alla scoperta di Matera con Sereno Variabile

di Sebastiano Cascone Commenta

La “bella televisione” torna ad affacciarsi timidamente tra tante urla, minacce, imprecazioni, bestemmie. Spettacoli indecorosi che affollano ogni giorno tutte le reti nazionali. Come ogni settimana, segnaliamo i tre momenti televisivi che si sono distinti per qualità, contenuti di rilievo e rispetto del pubblico.

Un mondo di muri, reportage storico del Tg7 A vent’anni dalla caduta dell’emblema berlinese, muri e barriere continuano ad esistere e a moltiplicarsi nel mondo. Si chiamano i muri della vergogna. Ne sono stati catalogati una ventina. Sono linee di confine, che separano la popolazione civile, in lotta per motivi politici e religiosi. Non sono solo muri fisici, ma psicologici. Intere generazioni vivono con l’idea di essere emarginati e ghettizzati dal resto del mondo. In occasione dell’anniversario della caduta del muro di Berlino, La7 ricorda l’evento, citando tutte le zone che vivono ancora l’oppressione dell’isolamento. Davvero un bel racconto.

Libero De Rienzo legge alcuni stralci tratti da Daniele – Storia di un bambino che spera a Niente Di Personale L’attore, ospite di Antonello Piroso, ci delizia con alcuni passi tratto dal libro di Cinzia Lacalamita protagonista della Campagna di Solidarietà per aiutare il piccolo Daniele Amanti ad affrontare la sua battaglia con la Distrofia di Duchenne. Daniele, infatti, ha quasi tre anni ed è affetto da questa terribile patologia che gli distrugge i muscoli. Un modo tenero e solidale per raccontare la sofferenza dei bambini.

Alla scoperta di Matera con Sereno Variabile Il conduttore Osvaldo Bevilacqua veste, ogni sabato, i panni di una guida turistica e ci fa da cicerone nelle più belle terre d’Italia. Questa settimana, il programma sull’ambiente di Raidue ha fatto tappa a Matera,famosa per le sue pietre, e posto di bei passaggi, tradizioni e viva cultura gastronomica. Ecco il racconto filmato di questo viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>