Michele Santoro: Senza Rete è il nuovo programma?

di Redazione 1

Senza Rete è il nuovo progetto di Michele Santoro che il giornalista salernitano dovrebbe presentare ufficialmente il prossimo 11 settembre durante la festa de Il fatto quotidiano. Libero e il sito Dagospia hanno svelato il programma che dovrebbe sostituire Annozero: gli ingredienti sono internet e tv locali. Infatti Senza Rete andrà in onda la prossima stagione grazie ad un circuito di tv private e sul web. Nonostante le smentite, non è ancora tramontata l’ipotesi che il talk venga trasmesso da Cielo, il canale digitale di Sky che si vede anche sul satellite. Presenti Vauro e Marco Travaglio.

E iniziano a circolare i dettagli tecnici di Senza Rete: si tratterebbe di un programma che Santoro venderebbe ‘chiavi in mano’ alle tv private, con l’aiuto dell’imprenditore Sandro Parenzo, compagno di avventura dell’ex giornalista di Raidue. Parenzo, in particolare, si occuperà della raccolta pubblicitaria. Infatti la pubblicità sarà un elemento presente anche su internet, dove le visioni in differita di Tutti in piedi, l’ultimo esperimento mediatico di Santoro, hanno superato le 500mila visioni.

Infine una curiosità: Santoro potrebbe sfidare nella gara degli ascolti Corrado Formigli, il quale, lasciata la squadra guidata da ‘Michele chi?’, è approdato a La7 alla conduzione di Exit.

Commenti (1)

  1. Perchè Santoro non smette di fare cialtronate e assalti alla diligenza a patto che i trasportati siano di destra? Ha stufato sotto tutti i punti di vista è obsoleto e non capisce che non servono più bandiere per salvare l’Italia ma serve solamente di cacciare tutti questi politici papponi che ci governano. Ci vorrebe nuovamente il caro Benito per risolvere tutti i mali di cui gli italiani soffrono e non di certo le farse di Santoro in TV

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>