Le Iene, Filippo Roma torna dai furbetti del comune di Roma

di Elide Messineo Commenta

Nella scorsa puntata de Le Iene, Filippo Roma è tornato ad occuparsi del “fancazzismo” che imperversa negli uffici del comune di Roma e ci sono nuovi risvolti.

Dopo aver segnalato di molti impiegati che timbravano e poi uscivano a sbrigare le loro commissioni, Filippo Roma aveva parlato con il Sindaco Ignazio Marino, che aveva detto che si sarebbe occupato del problema. Ma Le Iene sono tornate a controllare e tantissima gente dopo aver timbrato andava via in macchina o in motorino, molti altri passavano ore al bar a chiacchierare o a giocare al telefono.

Quando Filippo Roma è entrato negli uffici è stato aggredito da una delle dipendenti, che sosteneva che negli uffici si lavora e anche molto. Una sua collega, però, non era d’accordo e, sollevata per l’arrivo dell’inviato di Italia 1, si è sfogata dicendo di essere vittima di mobbing e di essere stata costretta a passare le giornate in ufficio senza lavorare, a fare le “parole incrociate“.

Filippo Roma ha parlato anche con la direttrice, che inizialmente ha cercato di arginare il problema ma poi ha ammesso che i controlli effettuati non sono sufficienti, accettando l’aiuto de Le Iene. La situazione non sembra destinata a cambiare, quante altre incursioni ci vorranno prima che i dipendenti facciano seriamente il loro lavoro, stipendiati dai cittadini che non possono usufruire efficacemente dei loro servizi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>