Lady Gaga feat. Beyoncè, Telephone video ufficiale

di Redazione 2

Un piatto ghiotto per i nostri amici di Gayprider, il nuovo video di Lady Gaga feat. Beyoncé Knowles, Telephone, che per ammiccamenti sfrenati, provocazioni morbose ed un’esplicita scena di sesso, rischia di scandalizzare mezzo mondo. Secondo estratto dall’album The Fame Monster, il singolo originariamente era destinato a Circus di Britney Spears ma, di fronte al rifiuto della sua casa discografica, la cantante scelse di tenerlo per sé.

Nel testo, la cantante improvvisa un’improbabile conversazione telefonica con un ammiratore. Pressata dai suoi squilli, Lady Gaga lo liquida in poche parole, essendo troppo assorta nel ballare al ritmo della sua canzone preferita. Presentato in anteprima sul canale E! il 12 Marzo alle 22.30, il video di Telephone, di durata 9:34 minuti, è il seguito ideale di Paparazzi. Le riprese sono state effettuate dal regista Jonas Åkerlund (ricordato per aver diretto Pussy, un video dai contenuti esplicitamente pornografici per la band tedesca Rammstein.

Nel filmato Lady Gaga viene portata in un carcere femminile, dove, tra una scena hot e l’altra, canta i primi versi della canzone. Viene rilasciata e, insieme a Beyonce, uccidono, in una tavola calda, quello che sembra essere il ragazzo di quest’ultima e, insieme a lui, tutti gli altri che stavano mangiando, poichè Lady Gaga ha avvelenato tutti i pasti. Dopo il folle gesto le due donne si promettono di scappare lontano da quel posto e di non farci più ritorno. Si danno la mano, inseguite dalla polizia e fuggono verso nuovi orizzonti.

Il video finisce con un ‘To Be Continued…’, segno di un’altra probabile futura collaborazione. Probabilmente ispirato al capolavoro di Quentin Tarantino, Kill Bill, data la presenza della celeberrima auto Pussy Wagon, utilizzata dalla protagonista del film, nel primo volume, il videoclip consacra Lady Gaga regina del trash mondiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>