Carlo Freccero presenta il libro “40 Anni di Televisione Trash”

di Antonio Ruggiero Commenta

Carlo Freccero è uno dei più visionari e moderni personaggi televisivi della televisione italiana, con una preparazione sull’argomento e una freschezza tangibile del tema che si evolve quotidianamente, davvero al passo con la mentalità di produttori e CEO di reti tv d’oltreoceano: che ci si trovi d’accordo o meno con le sue opinioni, arriva 40 Anni di Televisione Trash, un’analisi obiettiva (ma anche personale e a tratti spietata a tratti allietante) del Direttore di Rai 4.

Dalla televisione di Stato sbarcata in Italia per assolvere a un obbligo sociale di istruire il paese e di unificarlo, con gli sceneggiati dei grandi romanzi e il melodramma che portavano più il teatro in tv che altro; per passare lentamente alle prime tentennanti apertura all’offerta televisiva fino al mercato degli anni ‘80 rappresentato dalla reale e unica realtà alternativa alla tv pubblica come Mediaset e il duopolio con Mamma Rai.

Infine l’avvento della tv a pagamento, prima con Telepiù/Stream e poi con SKY, mentre i contenuti televisivi dal 2000 a oggi sono completamente cambiati con l’era dei reality e poi i talent show; un viaggio in quattro decadi con Carlo Freccero che si cala in una sorta di Virgilio in questa Divina Commedia a colori, poco divina e più sarcastica che commedia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>