Barbara D’Urso protesta contro Trenitalia: il video

di Redazione 2

Barbara D’Urso ha a cuore tante situazioni per le quali combatte da anni, ma forse non ha a cuore i pendolari che aspettando al freddo nelle stazioni e che prendono il treno anche più di due volte a settimana. La regina della tv trash si è aggiudicata la seconda gaffe in pochi giorni.

Barbara D’Urso ha reso spettacolare anche la febbre, malanno che in inverno colpisce più o meno tutti noi, ma in tv a Pomeriggio Cinque pare ce l’abbia solo lei. Anche la tosse, ovvio. E proprio per la febbre, forse, Barbarella ha iniziato a delirare su un Frecciarossa, lamentandosi dei ritardi dei treni e del fatto di non aver ancora ricevuto la tessera platino.

La D’Urso viaggia in prima classe ma questo non le basta, vuole aspettare il treno in una saletta comoda e calda e non morire di freddo, aspettandolo come una comune mortale. Le lamentele della conduttrice ne hanno generate molte altre su web, gli attacchi sono arrivati subito. Dopo la gaffe sui ciechi che guardano il suo programma, la D’Urso l’ha sparata grossa, lamentandosi di piccolezze, proprio lei che sta sempre attenta agli altri, quando ci sono migliaia di pendolari, tutti i giorni, che in Italia viaggiano in condizioni disastrose, che magari al posto della saletta calda hanno le pulci sul sedile.

Il video mostra Barbara D’Urso in tuta rosa dopo aver finito un’altra puntata del suo programma. I commenti su YouTube e Twitter sono piuttosto eloquenti, uno su tutti rende bene il concetto:

ma qualcuno gliel’ha già detto dove se la può mettere la tessera?

C’è chi dice che forse era ubriaca e chi si vergognerebbe se fosse suo figlio, soprattutto per il tono di voce che Barbara, infantile e lamentoso, fastidioso quanto basta da far cadere una valanga di polemiche e parole poco gentili nei suoi confronti. Per la seconda volta in pochi giorni non è mica male come risultato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>