Due uomini e mezzo da oggi pomeriggio su Raidue la prima stagione

Oggi pomeriggio alle ore 17.35 su Raidue andrà in onda la prima stagione della serie TV rivelazione Due uomini e mezzo (in cui titolo originale è Two and a Half Men). La serie made in USA, prodotta dalla Warner Bross Television e diretta da Chuck Lorre e Lee Aronsohn, negli States è giunta alla sua sesta stagione ed è considerata una delle comedy più esilaranti e di successo degli ultimi anni.

Due uomini e mezzo narra le vicende di Charlie Harper (Charlie Sheen), un compositore di jingle, single, affermato e con un grande successo con le donne, la cui vita, fino a quel momento sregolata, viene stravolta dall’arrivo del fratello Alan (Jon Cryer) e del figlio di 10 anni, Jake (Angus T. Jones). Alan e Jake, dopo il divorzio del primo dalla moglie lesbica Judith (Marin Hinkle), si trasferiscono stabilmente nella casa in riva al mare di Charlie, combinandone di tutti i colori e creando situazioni tanto spassose quanto inverosimili.

Il cast è formato da personaggi diversi tra loro ma uniti dalla verve irriverente che caratterizza la serie TV: troviamo la madre Evelyn (Holland Taylor), la governate di Charlie, Berta (Conchata Ferrel) e Rose (Melanie Lynskey).

Read more

American Idol, 24, Desperate Housewives: gli spazi pubblicitari più costosi sono i loro

Quali sono i programmi made in USA più remunerativi in patria? La risposta ci viene data da Forbes, la rivista di economia e finanza che ha chiesto alla TNS Media di stilare una classifica dei programmi che guadagnano di più prendendo in considerazione i 100 programmi più visti (show e serie televisive) dal 31 gennaio. Siccome i programmi hanno durata diversa, la società, che ha elaborato la lista, ha ricondotto tutti i risultati ai guadagni medi ottenuti ogni mezz’ora.

La classifica dei programmi che guadagnano di più grazie alla vendita degli spazi pubblicitari parla chiaro: American Idol, il talent show della Fox, seguito da oltre 25 milioni di spettatori ogni puntata, incassa 7 milioni di dollari ogni mezz’ora, 623mila dollari mediamente per ogni spot di 30 secondi. Sul podio troviamo, con un incasso ben inferiore, 24 (sempre della Fox), che guadagna 3,7 milioni di dollari ogni mezz’ora (366.000 $ per uno spot di mezzo minuto). Il terzo posto è ad appannaggio di Desperate Housewives (primo della ABC), che incassa 2,9 milioni di dollari (251.000 $ per uno spot di 30 secondi).

Read more

Heroes, Desperate Housewives, Sarah Connor Chronicles, How I Met Your Mother, Two and a Half Men, The Big Bang Theory, The Sarah Silverman Program, Inside The Box, V, Eastwick, Dexter, Life On Mars, Entourage, Melrose Place, Smallville: novità al quadrato

Dopo una giornata di buco tornano le nostre news e tornano alla grande. Alla faccia di ascolti bassi e infausti presagi, Matt Parkman ci rassicura sul futuro di Heroes: “questo Heroes non s’ha da terminare!”, mi verrebbe voglia di dire.

Continuiamo a cullarci nel piacere di questa rassicurante nuova con una dolce immagine: freschi dell’addio di Nicollette Sheridan a Desperate Housewives, saremo deliziati da un bellissimo bacio tra Eva Longoria e Teri Hatcher, la quale dichiare quanto sia stato divertente baciare la Longoria. Non stento a crederle.

Volete qualche spoiler su Sarah Connor Chronicles? Ringraziate Ausiello e date un’occhiata qui. Ma mi raccomando.. non raccontatelo in giro!

Read more

Serie tv news, fra personaggi inutili, cause e serie acquistate da Microsoft

In attesa che arrivino spoiler e nuove anticipazioni sulle serie televisive americane, parliamo di serie tv d’oltreoceano, ma da altri punti di vista: durante le vacanze ci sono stati acquisti, querele e classifiche, che hanno tenuto banco negli States.

Partiamo dall’ambito giudiziario: la Warner Bros ha fatto causa alla CBS, per 49 milioni di dollari per la sitcom Two and a Half Men, perché non ha pagato una percentuale in base al successo di pubblico, come pattuito con la WBTV. Quest’ultima nel frattempo è stata chiamata in giudizio da Gavin Polone e Judy Hofflund, perché la televisione non avrebbe dato ai creatori di Gilmore Girls una percentuale del guadagno fatto dalla serie.

Read more