La Gialappa’s Band fuori da Radio2: parla Lorenzo Raponi, amministratore del forum ufficiale

Raccogliamo la protesta del forum ufficiale della Gialappa’s Band dopo il duro scontro con il direttore di Radio2, Flavio Mucciante per l’esclusione da Rai Dire Sanremo e Rai Dire Gol. In un’intervista a La Stampa di qualche giorno fa, Marco Santin aveva dichiarato che loro erano stati “buttati fuori senza neanche avvertirci”. Mucciante ha tenuto a precisare, su Tv Sorrisi e Canzoni, che la sua scelta si è basata sul fatto che “… fino a pochi giorni fa sembrava dovessero commentare i mondiali per Sky”.

Nel continuo botta e risposta tra le due parti coinvolte, il forum ufficiale dei Gialappi è sceso in campo per esprimere la propria solidarietà verso i propri beniamini e lamentarsi per una scelta ritenuta ingiusta. Si legge nel comunicato ufficiale

Mai dire Grande Fratello: su Canale 5 torna la Gialappa’s!

Su Canale 5, da questa sera a 00.20, tornano quelli della Gialappa’s Band, Giorgio Gherarducci, Marco Santin e Carlo Taranto con Mai dire Grande Fratello, la trasmissione che segue da vicino i concorrenti della casa del Grande Fratello.

Chi saranno i nuovi Medioman, l’Ottusangolo o il cumenda di questa edizione? Le tre voci del programma riescono sempre a trovare facili bersagli da prendere in giro e quasi sicuramente, ad essere bersagliato, sarà Maicol il gay con il pupazzo Pimpi, Camila la strillona sudamericana, insomma il materiale non manca!

La frase dell’entrata di George Leonard: meglio un giorno da leone che mille da cento! è già diventata il motto del Grande Fratello 10, quasi sicuramente l’Umbro prenderà il posto dell’Ottusangolo, ma non scordiamoci di Tullio, ribattezzato Ariso per la somiglianza con Arisa.

Mai dire Grande Fratello da stasera trasloca su Canale5

Mai dire Grande Fratello cambia rete: da questa sera l’irriverente racconto del reality fatto da Marco Santin, Giorgio Gherarducci e Carlo Taranto, ovvero il trio che forma la storica Gialappa’s Band, si trasferisce da Italia 1 a Canale 5, sempre in seconda serata.

La scelta di Mediaset è strategica: il programma che prende in giro il padre di tutti i reality, su Italia 1 incollava davanti ai teleschermi quasi due milioni di spettatori, ottenendo oltre il 29% di share, il che danneggiava sia i concorrenti della Rai, che il programma della rete ammiraglia, Matrix. Da questa sera, invece, la Gialappa’s con il traino del Grande Fratello potrà puntare a un pubblico più vasto e battere Porta a porta.

Gialappa’s Band: 20 anni di risate

La Gialappa’s Band è il nome d’arte del trio comico formato da Marco Santin (Milano, 11.02.1963), Carlo Taranto (Milano 13.12.1961) e Giorgio Gherarducci (Milano 01.11.1963), autori e commentatori televisivi e radiofonici. Il nome Gialappa deriva da una pianta messicana omonima dalla quale si estrae un lassativo utilizzato per i cavalli. I tre comici hanno iniziato la loro attività in una radio locale milanese, Radio Popolare, nel lontano 1985: da semplici ascoltatoti e commentatori delle partite calcistiche della domenica, diventarono prima collaboratori e poi conduttori del programma Bar Sport. Ma da quella prima esperienza, la loro ascesa è stata inarrestabile! Nel 1986 commentarono le partite durante i Mondiali di calcio in Messico (da lì la scoperta della famosa pianta e la nascita del nome), e poco dopo entrarono in Fininvest nel programma Un fantastico tragico venerdì, nel quale commentavano in modo sconclusionato e caotico come loro solito, alcune telenovelas argentine di moda in quegli anni.

Poco dopo ottengono un contratto per Radio Deejay e parallelamente intervengono in famose trasmissioni televisive come Smile con Gerry Scotti, Candid Camera Show, Il Gioco dei nove, Telemeno, Emilio, Vicini di casa e L’Araba felice. Poi nel 1989 approdano come commentatori fuori campo a Mai dire banzai, programma storico che rievoca Giochi senza frontiere, ideato in Giappone, nel quale i concorrenti sono chiamati a sostenere delle prove fisiche di assoluta stupidità, ma divertentissime per i telespettatori. Il successo che il trio della Giallapa’s band riscuote con Mai dire Banzai è talmente alto che i tre decidono di lanciare una trasmissione analoga su Italia 1 ma in versione calcistica, Mai dire goal, nella quale rivestono sempre il ruolo di commentatori-ombra.

Mai dire Martedì è tornato!

E’ tornato ieri sera, in prima serata su Italia1, Mai dire Martedì, ricco di novità interessanti e di piacevoli conferme.

Il programma, ancora condotto dalla Gialappa’s (Marco Santin, Carlo Taranto e Giorgio Gherarducci) e il Mago Forrest, è ambientato adesso in un aeroporto, dove gli ospiti entrano sul tapis roulant del ritiro bagagli e la scenografia riprende l’interno di una sala d’attesa, con tanto di tabellone degli arrivi.

Le novità più ghiotte a mio avviso sono: la band dal vivo formata da 5 musiciste (Inna e le altre), il clone di Tiziano Ferro che storpia le canzoni ed è oggetto di un gioco telefonico (“Ricorda: se non capisce cosa dice Tiziano Ferro non sei l’unico”) e Ping la compagnia Bella , la pubblicità parodia di un nuovo gestore telefonico (con Paola Minaccioni e Federica Cifola).