Amiche mie: riassunto delle puntate 9 e 10

di Redazione Commenta

Le nostre Amiche ci dimostrano quanto sia complesso essere donna oggi, con una doppietta di puntate in cui i problemi vengono a galla, si fanno spigolosi e cominciano a dare obiettivamente fastidio. Sembra quasi si tratti del prezzo da pagare per la ricerca della felicità, che comprende uno scomodo scontro con l’imperfezione e con il tradimento delle aspettative.

Questo lo sa bene Marta (Luisa Ranieri), che ha ricevuto recentemente un riconoscimento non da poco da parte di Alberto (Michele La Ginestra) che, lo dico con sincerità, inizialmente prometteva poco o niente.

Dopo essere riuscito a lasciare la moglie per lei, si ferma lì, e non le fa presentare il tg della sera, allo scopo di non esporsi troppo. Potrebbe sembrare solo un problema temporaneo, ma le cose stanno diversamente: alla fine questo fatto si dimostrerà come l’inizio di una serie di sfortunati eventi, che si concluderanno con il ritorno dell’uomo dalla moglie.

Un altro mito è Federico (Stefano Pesce). Grazia (Cecilia Dazzi), che sembra veramente innamorata di lui, giunge a perdonarlo. Purtroppo come al solito le cose non sono facili, e Federico viene è arrestato con l’accusa di truffa. La moglie, che dire, ci rimane molto male, considerato l’interesse che inizia a nutrire per Paolo (Massimo Poggio).

Altra sorpresa dai toni, diciamo, così così , è lì in serbo per Francesca (Elena Sofia Ricci), dato che scopre che Mister X è il suo ex marito Carlo (Franco Castellano).

Chiude il quadro una Anna (Margherita Buy). Il marito ha aperto la stagione di caccia, e per una persona adorabilmente ansiosa come lei la cosa può costituire un vero e proprio problema, anche se quello che c’è tra lei e Giorgio (Guido Caprino) la sostiene e la spinge a guardare con fiducia al futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>