The Unit, la quarta stagione su Rete 4

Questa sera su Rete 4 andrà in onda la quarta ed ultima stagione di The Unit, la serie d’azione e di guerra creata da David Mamet trasmessa fino al 2009 dalla CBS.

Nei ventidue nuovi episodi che compongono la stagione vedremo il segretissimo team di uomini addestrati a tutto della Delta Force impegnato in nuove impegnative missioni e le famiglie dei componenti del nucleo ancora una volta in pena per i propri cari, nonostante siano ignare dei compiti svolti dai supersoldati.

Riconfermato in toto il cast. Tornano: Dennis Haysbert (Jonas Blane), Regina Taylor (Molly Blane), Audrey Marie Anderson (Kim Brown), Robert Patrick (il colonnello Tom Ryan), Max Martini (Mack Gerhardt), Abby Brammell (Tiffy Gerhardt), Scott Foley (Bob Brown), Michael Irby (Charles Grey) e Demore Barnes (Hector Williams). A loro si aggiunge per nove episodi Wes Chatham che interpreta Sam McBride.

La narrazione riparte subito forte: la squadra, che è appena tornata a casa da una missione di cinque mesi viene richiamata immediatamente in azione, dato che, a causa di un attacco terroristico, il vice presidente è stato assassinato e il nuovo presidente americano è stato rapito. Al team spetta il delicato compito di salvare il presidente!

Se non vi siete persi nemmeno un episodio della serie, non perdetevi la stagione finale di The Unit, ogni sabato alle 23.25 su Rete 4.

10 commenti su “The Unit, la quarta stagione su Rete 4”

  1. io vorrei fare un avvertimento , per chi non vuole farsi venire strani giramenti , come è successo a me , se non volete rimanere con l’amaro ikn bocca fermatevi alla terza serie perche la 4 serie mette un sacco di carne al fuoco ma non ha un finale , e la serie è stata cancellata , che ottima mossa da parte di cbs cmq in rete ci sono un po di petizioni che chiedono appunto se non una serie completa come finale, almeno una miniserie tanto per capire che fine faranno questi benedetti “soldiers” perche cosi è come andare a comprare un romanso a cui manca l’ultimo capitolo

    Rispondi

Lascia un commento