Il peccato e la vergogna, riassunto seconda puntata

di Giulia Tarroni 2

Nella seconda puntata della serie tv di Canale 5 Il peccato e la vergogna, Carmen Tabacchi (Manuela Arcuri) dopo essere stata curata dal dottor Gilsenti presso cui lavorava, torna finalmente a casa insieme a Giulio Fontamara (Eros Galbiati) ma sua madre ha brutte notizie per lei: Nito Valdi (Gabriel Garko) la sta cercando e non ha buone intenzioni. Giulio convince Carmen e la sua famiglia a trasferirsi presso la sua casa e poi la assume nel suo negozio di tessuti come commessa: Nito scopre che Giulio è schedato come sovversivo antifascista.

Nito è deciso a vendicarsi su Giulio, il quale nel frattempo sta insegnando a Carmen a vivere in società, nonostante i primi risultati siano fallimentari: Nito uccide Guido Tabacchi, padre di Carmen ma i suoi superiori non sono contenti del suo comportamento. La maitre del bordello (Giuliana De Sio) ha una relazione con Nito e si rende conto solo ora di che razza di uomo si tratti: intanto Giulio chiede a Carmen di sposarlo ma la ragazza non sa cosa rispondere. In casa Fontamara ci sono delle novità, torna a casa la sorella più piccola, Elisa.

Nito ha un piano, vuole conquistare Elisa per raggiungere Giulio e scoprire dove si trova Carmen: la convince che Carmen sia una sovversiva e che Giulio è in pericolo. Nito chiede ad Elisa di spiare Giulio e le chiede di scoprire dove la ragazza vive: Elisa scoperto tutto, riferisce quanto sa a Nitto, credendo di agire in buona fede. Nito il giorno seguente si reca in negozio, affronta Carmen strattonandola ma Giulio interviene mandandolo via:  Francesco Fontamara padre di Giulio impedisce al figlio di incontrare il dottor Gilsenti.

Ma Giulio è risoluto, se si tratta di combattere le ingiustizie, sarà al fianco di Gilsenti: il commissario vuole mandare via Nito dall’arma di polizia a causa delle sue scorribande. Giancarlo, fratello di Giulio, vede Carmen e ne resta molto colpito: in centro Giulio, partecipante ad una manifestazione anti fascista, viene arrestato e interrogato da Nito che lo mette sotto pressione. Fortunatamente interviene il commissario che libera Giulio, è deciso a rovinare Nito, rendendo noto dell’omicidio della coppia di coniugi.

Giancarlo inizia a corteggiare Carmen, le regala cioccolatini e la bacia: la ragazza ricambia con trasporto ed i due trascorrono la notte insieme. Elisa sta per partire come crocerossina, lascia una lettera per Nito nella quale gli confida di essersi innamorata di lui. Nito trova il commissario e lo uccide, gettando il cadavere in mezzo al bosco e facendo credere che siano stati quelli di Giustizia e libertà, il gruppo sovversivo cui appartiene anche Giulio. Sicuramente tutti i sospetti verteranno su di lui.

La storia d’amore tra Giancarlo e Carmen continua, nonostante le bugie del ragazzo che è già fidanzato e prossimo alle nozze: ma Giancarlo viene chiamato alle armi. Nitto incontra un alto funzionario di polizia e chiede di poter prendere il posto di comandante: Carmen scopre che Giancarlo si è preso gioco di lei, le viene una forte febbre e Giulio la assiste con amore. Guarita, Fontamara le chiede di inviare dei disegni in America, disegni fatti all’interno di un campo di concentramento.

Carmen esegue quanto le viene chiesto, inserisce i disegni all’interno di un pacco di stoffe: ma non si sente bene e decide di andare dal medico. Carmen scopre di essere incinta, il bambino è di Giancarlo. Purtroppo il pacco contenente i disegni si rompe e Francesco Fontamara li scopre, vuole denunciare Carmen: questa nel suo ufficio scopre che Giancarlo è il fratello di Giulio e sviene, sconvolta. La prossima puntata de Il peccato e la vergogna andrà in onda mercoledì prossimo sempre su Canale 5 in prima serata.

Commenti (2)

  1. thatl multo bene!!!! perffetoooooo Ti Amo Nitto bella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>