Il peccato e la vergogna riassunto quinta puntata

di Redazione 1

Nella quinta puntata della serie tv Il peccato e la vergogna, Giancarlo Fontamara è attivo tra le file partigiane nel combattere i nemici nazisti: cade in un’imboscata ma fortunatamente non rimane ucciso né ferito. A casa Carmen Tabacchi e Francesco Fontamara vengono a conoscenza dell’attentato e sono preoccupati per la salute di Giancarlo, Carmen viene a conoscenza che Nito Valdi è ancora vivo, è stato graziato. La madre di Carmen, sua sorella Stella e il figlio Giulio vanno via da Roma, diretti in campagna a casa di un parente: li saranno al sicuro mentre la ragazza dovrà stare attenta a Nito.

Nito aspetta Carmen a casa Fontamara, la minaccia di far deportare lei ed il bambino in Germania se Carmen entro tre giorni non andrà via con lui: Silvie, la commessa del negozio, consiglia alla donna di rivolgersi ad un prete che ha aiutato tanta gente, Don Ambrosio. Tra le file partigiane vi è un traditore, viene chiamato dai tedeschi a rivelare il vero nome di Felix, che è Giancarlo: fortunatamente lui ha capito tutto e intende farla pagare alla spia traditrice. Carmen chiede al prete di sposarla con Francesco Fontamara, per dare a Nito una lezione.

Felix affronta la spia, in uno scontro a fuoco la spia e su moglie Lucia rimangono uccisi: Felix la sua amica partigiana si rivolgono a Don Ambrosio, che li porta al bordello da Bijoux per nascondersi. Intanto Nito scopre che Elisa Fontamara si fa chiamare Roberta Rubino e che vive di espedienti: decide di trovarla. Carmen denuncia Nito al suo colonnello per molestie, ma Nito si gioca l’ultima carta: rivela che dietro al nome di Felix si nasconde Giancarlo Fontamara. Intanto per Elisa Fontamara i guai non finiscono: finisce in cella per tentata rapina e la figlia le viene sottratta dalla complice senza dirle nulla.

Nito vuole ottenere l’incarico di catturare Felix utilizzando come esca la sorella Elisa, nel frattempo trasferita nel carcere di Roma: Nito porta Francesco Fontamara al comando tedesco, e Carmen tiene in pugno il colonnello, lui è pazzo della donna. Nito incontra Elisa, Carmen si reca in campagna da suo figlio, qui incontra Giancarlo: i due sono felicissimi, ma entro poco tempo arriva il colonnello tedesco. Scopre Carmen insieme ai suoi familiari ma non riconosce Giancarlo tra i presenti: tornata a casa Carmen scopre che Nito ha portato via Francesco, rinchiudendolo in una prigione e picchiandolo selvaggiamente.

A Francesco viene mostrata Elisa, mentre i due si abbracciano Nito scatta loro una foto che intende pubblicare sui giornali per far costituire Giancarlo: fortunatamente entra il colonnello con Carmen, Nito era senza autorizzazione ed il colonnello è molto adirato. Elisa nel frattempo recupera la pistola di Nito e si spara, uccidendosi davanti agli occhi del padre. Il generale avverte Nito, se non riuscirà a prendere Felix finirà lui stesso innanzi al plotone di esecuzione. L’attività partigiana prosegue, quella sera stessa alle otto avranno le armi che aspettavano: intanto tra Giancarlo e la partigiana scoppia l’amore, i due si baciano con passione.

Per riuscire a far avere le armi a Felix, Carmen inganna il colonnello, fortunatamente il piano va a buon fine: Bijoux viene catturata dagli uomini di Nito e portata innanzi a lui. Dopo averla torturata Nito afferma di aver capito dov’è Felix, dice che è nascosto nel bagagliaio della macchina del colonnello che si trova insieme a Carmen: finalmente li ha trovati, mentre Bijoux si lancia fuori dalla finestra suicidandosi. Il colonnello e Carmen vanno a cena mentre Nito è alla loro ricerca: dentro alla macchina del colonnello Felix non c’è ma gli uomini di Nito trovano li vicino una bombola dell’ossigeno.

Felix si era veramente nascosto dentro alla loro macchina: sia Carmen che il colonello vengono tratti in arresto da Nito, il colonnello è stato ingannato dalla donna che amava. La prossima ed ultima puntata de Il peccato e la vergogna andrà in onda mercoledì prossimo sempre su Canale 5 in prima serata.

Commenti (1)

  1. E’ davvero molto bella , complementi !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>