Il falco e la colomba riassunto quarta e ultima puntata

di Giulia Tarroni 1

Nella sesta ed ultima puntata della mini serie tv Il falco e la colomba, Elena Campireali (Cosima Coppola) per sfuggire dal carcere con l’accusa di eresia accetta di sposare il principe Savelli (Fabio Testi), dopo aver saputo che il suo amato Giulio Branciforte (Giulio Berruti) è morto. Elena è stanca di lottare, non è più disposta a soffrire per colpa di un amore sbagliato: Giulio sente la ragazza mentre dice tutto questo alla madre Beatrice (Sabina Began), felice per aver finalmente raggiunto il suo scopo.

Quella notte Giulio arriva al punto da puntare un coltello alla gola di Elena ma non ne ha il coraggio, in casa Campireali fervono i preparativi per il matrimonio, tra stoffe e gioielli: Giulio intanto insieme all’amico Ugone (Adriano Pappalardo) vuole andare a Roma dal Cardinale Pompeo Colonna (Vincent Riotta) a riprendersi il posto che gli spetta. Colonna lo riprende con se a Roma dopo che Giulio ha fatto atto di umiltà lavandogli i piedi: il santo papa Clemente VII (Venantino Venantini) scopre che il principe aveva dato il denaro a Colonna per sovvertire Roma, non sa se fidarsi ancora di lui. Gli viene affidata una missiva per Carlo V per vedere se è ancora leale.

Elena ed il Principe Savelli si recano a Roma al carnevale, nel confessionale di una chiesa Elena rivela di non poter vivere senza Giulio: Colonna manda Giulio in missione, deve catturare un uomo, il segretario personale del principe Savelli, per impedirgli di giungere da Carlo V. Arriva il giorno delle nozze, Elena poco prima di andare all’altare rivela alla madre di voler uccidere Savelli quella sera stessa, è solo per poterlo uccidere che ha accettato di sposarlo. Lisetta (Anna Safroncik) intanto viene condannata a morte per l’uccisione della suora in convento: Giulio e Ugone vogliono andare a salutarla per l’ultima volta.

Mentre stanno consumando la loro prima notte di nozze, Elena colpisce il principe con uno stiletto ma non riesce ad ucciderlo, il principe adirato la picchia e la possiede contro ogni sua volontà: il giorno seguente decide di murarla dentro la stanza da letto. Beatrice sa che qualcosa non va, decide di andare a Roma a Palazzo Savelli ma viene mandata via insieme a Marietta (Alessandra Barzaghi): nessuna delle due sa che Elena è in pericolo di vita. Savelli la tiene nella stanza senza acqua né cibo, come una prigioniera.

Prima di morire Lisetta rivela a Giulio che Colonna si è servito di Armido (Enrico Lo Verso) per ucciderlo e che Elena lo crede morto, quelli che lui credeva amici e fratelli in realtà si sono rivelati nemici: Lisetta viene impiccata in piazza e muore. Beatrice si reca persino da Colonna per cercare di salvare la figlia, ma l’uomo è irremovibile, e la donna non dispone di nulla per corromperlo. Armido va da Colonna a chiedere denaro per la sua lealtà ma questi per tutta risposta lo fa sgozzare. Colonna e Giulio si confrontano, il cardinale lo voleva morto per la politica papale, gli serviva del denaro, che solo Savelli poteva dargli.

Giulio picchia Colonna ma non lo uccide, fermato da Ferdinando: Giulio alla fine decide di andare da Beatrice per avere notizie di Elena, ma questa lo implora di salvare sua figlia, andando a palazzo Savelli: intanto i Lanzichenecchi sono entrati a Roma mentre Elena sta per morire di sete, abbandonata da Savelli fuggito via con i suoi servi. Giulio entra a palazzo Savelli e prende in ostaggio il principe per farsi dire dov’è nascosta la ragazza. Ma i Lanzichenecchi irrompono a palazzo Savelli e il principe viene ucciso, Elena libera la colomba che teneva in stanza e Giulio la vede.

Elena gettando una brocca contro uno specchio scopre la via di fuga, Giulio grazie alle implorazioni della ragazza la trova: i due si recano ad Ischia da Vittoria, dove vivono felici.

Commenti (1)

  1. fiction bellissima!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! riproponetela, la guarderei cento volte!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>