Adopta a un famoso, il format che porta la televisione in casa

di Redazione 1

Parla spagnolo, il nuovo format che sta diventando un vero cult tra gli appassionati di reality. Trasmesso da Telecinco ottenendo un discreto successo tra i telespettatori iberici, Adopta a un famoso, permette di adottare un personaggio famoso per un’intera settimana sotto l’occhio vigile delle telecamere.

Una celebrità a richiesta arriva a casa. Mangia, dorme, si occupa delle faccende domestiche come un normale membro della famiglia. In Italia, il format è ancora inedito, forse ancora per poco. Provate ad immaginare la vostra attrice preferita a lavare i piatti. Oppure l’attacante della squadra del cuore alle prese con la pulizia dei mobili del soggiorno. O ancora l’opinionista di turno intento ad occuparsi dei compiti più umili. Tutto questo può diventare realtà.

Candidarsi al programma è molto semplice. Basta inviare una propria foto, una descrizione dettagliata della famiglia e il vip richiesto, motivandone la scelta. Da settembre ad oggi, la redazione di Telecinco è stata invasa di lettere, e-mail, telefonate di persone d’ogni età intenzionate a partecipare allo show.

In Spagna, la puntata più vista della prima stagione ha avuto come protagonista la pornoattrice Miriam Sanchez, adottata da due adolescenti, suoi fan sfegatati. Un ingresso in casa davvero scoppiettante tra l’incredulità dei due giovani e degli stessi genitori, turbati dalla verve esplosiva della donna.

La convivenza si è rivelata, poi, meno indolore del previsto. Miriam si è fatta apprezzare non solo per le sue prosperose forme, ma anche umanamente, dimostrando soprattutto di essere un’ottima consigliera negli affari di cuore, e di prediligere l’amore al sesso. Ha conquistato le simpatie del pubblico, tant’è che per lei si sono aperte le porte di Telecinco, dove a breve condurrà una programma tutto suo.

In attesa che arrivi presto in Italia, provate a pensare a quale vip vorreste in casa. Attendiamo le vostre risposte.

Commenti (1)

  1. I video che sono nell’ articolo, non corrispondono al programma. Quello che vedete é una parodia, che non ha niente a che veder con il formato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>