Ho sposato uno sbirro 2, riassunto quarta puntata

di Redazione Commenta

Ieri sera è andata in onda la quarta puntata di Ho sposato uno sbirro 2 Nel primo episodio dal titolo Una piccola sorpresa, Diego Santamaria (Flavio Insinna) saluta la moglie Stella Morini (Christiane Filangieri), donna colta, le gemelle e la suocera Clarissa (Barbara Bouchet) che sono in partenza per la Germania per andare a trovare alcuni parenti.

Diego indaga insieme all’ispettore Giuseppe Lojaocono (Antonio Catania) e all’agente Antonio Branca (Francesco Arca) sul caso di una rapina all’interno di un negozio di gioielleria. Viene sospettata la commessa, ma poi il sospetto cade. Il commissario Santamaria parla con il gioielliere.

La proprietaria della gioielleria ricorda un uomo sospetto, un albanese che tempo fa avrebbe voluto vendere loro degli orologi falsi, e che si guardava molto attorno. L’agente Barbara Castello (Serena Rossi) individua l’albanese e scopre che per costui è stato emesso un decreto d’espulsione tanto tempo fa. L’uomo, però, non si trova.

Viene portato in commissariato un bambino, figlio dell’albanese che potrebbe essere coinvolto nella rapina. E’ Diego a prendersi la responsabilità di far dormire il bambino a casa propria. Il ragazzino tenta di fuggire. Potrebbe conoscere chi ha rapinato la gioielleria, ma non proferisce parola.

Diego scopre che Massimo, il figlio della proprietaria della gioielleria (che vive a Torino) è implicato in qualche modo nella rapina. Il ragazzo racconta di essere stato a Roma di nascosto dai suoi soltanto per vedere una ragazza. Diego fa di tutto per riuscire a trovare il padre del bambino.

Fa il suo rientro a casa Stella. In realtà, Diego scopre che il proprietario della gioielleria ed il figlio hanno fatto credere di aver perso tutto attraverso la rapina, per evitare di pagare il pizzo. L’uomo albanese non era coinvolto nella rapina. Diego va a cercarlo all’interno del cantiere in cui lavorava. Il proprietario del cantiere confessa che l’uomo albanese è morto sul lavoro e che ha dovuto gettarlo in una discarica per evitare problemi. Il bambino viene portato in una casa famiglia ed è scosso dalla notizia della morte del padre.

Nel secondo episodio dal titolo La cattiva strada, Erminia (Giovanna Ralli) scopre che il cassiere di una ricevitoria è stato assassinato. Indagano sul caso Diego e l’ispettore Lojacono. Stella scopre che il cassiere, il giorno in cui è deceduto, aveva un appuntamento con una certa signora Marchiani. La donna aveva un risentimento nei confronti del signor Gennari per averle fatto perdere ventiduemila euro di vincita. Il cassiere, aveva però provveduto alla mancanza, donandole i soldi della vincita perduta. La signora Marchiani era venuta a ringraziarlo, ma un ragazzo l’aveva mandata via.

Diego ha la necessità di acquistare un’auto nuova, ma per farlo deve vendere la sua moto. Serena è molto turbata, perchè il ragazzo di cui la signora Marchiani parla e che potrebbe essere il principale sospettato dell’omicidio del signor Gennari, è proprio il fratello Salvatore. L’agente lo rivela al commissario, che la vuole aiutare a scoprire se è coinvolto nell’omicidio.

Il ragazzo viene fermato da Stella, Serena e Diego. Il Pubblico Ministero Lorenza Alfieri (Luisa Corna) non comprende il motivo per cui Diego e Barbara indagavano  a sua insaputa sul caso dell’omicidio. Barbara a questo punto confessa che il ragazzo in questione è suo fratello.

Lojacono spiega a Diego che il signor Gennari rubava i soldi alla camorra. Viene arrestato Salvatore attraverso la prova del DNA, ma il ragazzo ribadisce alla sorella di essere innocente. Nonostante non voglia farlo, Diego è costretto a vendere la sua moto al pediatra Giovanni Vattoli (Luca Calvani).

Salvatore viene rilasciato dopo che il barista ha confessato di aver ucciso il signor Gennari, facendogli battere accidentalmente la testa durante un litigio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>