A Grande Familia: su TV Globo le strampalate vicende dei Silva

di Redazione Commenta

Oggi ci trasferiamo in Brasile per parlare di A Grande Família, una serie televisiva in onda su TV Globo e che incanta milioni di telespettaotir esattamente a partire dal 29 marzo 2001.

E’ una reinterpretazione moderna della serie originale trasmessa tra il 1972 e il 1975. Questa volta però i personaggi vengono trasformati e riadattati ai giorni nostri con l’aggiunta di new entry. Il tema rimane sempre lo stesso: la famiglia.

In Brasile A Grande Familia è davvero un successo televisivo tant’è che nel 2008 si è aggiudicata un Emmy Awards per l’interpretazione di uno dei suoi attori: Pedro Cardoso.

Ma veniamo alla storia. A Grande Familia racconta della famiglia Silva, classe media, che abita in un quartiere della zona nord di Rio de Janeiro. A guidarla Lineu Silva un uomo come si suol dire politicamente corretto sposato con Nenê, una casalinga esemplare. La coppia ha due figli: Bebel, sposata con un taxista, e Tuco, innamorato di Gina, una donna molto ricca, ma con qualche problemino. A completare il quadretto familiare una serie di personaggi amici di famiglia edipendenti di Lineu che praticamente vivono perennemente nella caotica casa dei Silva, una casa dove succede veramente di tutto!

Ebbene si perché ogni giorno è diverso ed emozionante insieme ai protagonisti a cui non manca davvero niente in quanto a stranezze. Lineu infatti ha una pasticceria e non mancano i tentavi degli avversari per farla chiudere. Fortunatamente riesce sempre a cavarsela con ottimismo, simpatia e una buona dose di humor, ma soprattutto perché le truffe dei concorrenti non sono delle migliori.

Dopo sei anni di successo su TV Globo, la serie tivu da trenta milioni di telespettatori ha realizzato nel 2007 anche un film per il cinema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>