Recorder – Starsky & Hutch

di Benedetta Guerra 4

Quest’oggi per la rubrica Recorder parliamo dei poliziotti più famosi della tv, due colleghi nel lavoro e anche nella vita, sempre pronti a contrastare la criminalità: Starsky & Hutch.

Mandata per la prima volta in onda negli Stati Uniti nel lontano 1975 (fino al 1979), ed in Italia su Raidue nel marzo del 1979, il prodotto è stato creato da William Blinn e prodotto da Joseph T. Naar, Aaron Spelling e Leonard Goldberg con quattro stagioni e ben 92 episodi da 50 minuti l’uno.

I protagonisti della famosissima serie sono David Starsky (Paul Michael Glaser) e  Ken “Hutch” Hutchinson (David Soul). Il giovane Starsky, il moro dai capelli ricci, con la giacca di pelle marrone e un’automatica come compagna per la vita è un ragazzo dal cuore d’oro, capitato all’Accademia di polizia (dopo un infanzia passata ad occuparsi di madre e del fratello) dopo l’esperienza della guerra in Vietnam. Hutch, figlio di un imprenditore, è entrato in Accademia solo dopo aver fatto qualche anno di college. Il ragazzo è timido, amante della linea (segue diete macrobiotiche) e spesso molto riflessivo.

Tutti e due amano il proprio lavoro a Bay City (California), adorano i pantaloni a zampa, i giubbe in pelle, le pistole e  la Ford Gran Torino rossa con striscia laterale bianca, targata 537 ONN (di Starcky), che acchiappa le femmine al 100%.

Nella serie hanno importanza anche altri due personaggi: l’informatore Huggy Bear (Antonio Fargas) proprietario di un bar con dei traffici illeciti e il burbero Capitano Dobey (Bernie Hamilton).

Tra sgommate, testacoda, sparatorie, odore di gomma bruciata e il via vai dai quartieri malfamati la serie è diventata un cult per tutti coloro che sono nati o cresciuti in quegli anni. A partire dalla terza stagione gli sceneggiatori scelsero di sostituire alcune scene di violenza all’interno del telefilm con alcune dal contenuto sentimentale, un aspetto che non piacque ai fan, che lentamente inziairono ad abbandonaronarla.

Da ricordare è la musica funky, che guidava i momenti topici dei due protagonisti,  composta da Lalo Shifrin ed eseguita dal James Taylor Quartet. Da non scordare, anche, è il nome in codice dei due protagonisti, Zebra 3, e il remake cinematografico, uscito nel 2004, diretto da Todd Phillips, con Ben Stiller nella parte di Strarsky, Owen Wilson in quella di Hutch, Snoop Dogg in quella di Huggy Bear, e nel finale, la coppia Glaser-Soul nei panni dei venditori della mitica Ford.

Consigliato a tutti gli amanti dei polizieschi e a coloroche non l’hanno mai vista (non sapete cosa vi siete persi!): il telefilm, unico nel suo genere, può essere considerato il capostipite di Miami Vice, Nash Bridge e molte altre ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>