I segreti di Twin Peaks

di Redazione 1

Oggi per la rubrica Recorder, parleremo di una serie televisiva americana definita nel 2006 la più bella degli ultimi vent’anni: I segreti di Twin Peaks (Twin Peaks), di David Lynch e Mark Frost, realizzata dal 1990 al 1991 per un totale di 2 stagioni e 30 episodi.

Twin Peaks è stata la madre delle serie soprannaturali, facendo poi da trampolino di lancio a personaggi come David Duchovny, che è diventato poi l’amato Fox Mulder della serie X FIles, a Kyle MacLachlan oggi uno dei protagonisti di Desperate Housevives.

Ora torniamo alla serie, che non solo era una piena di mistero e personaggi fuori dal comune (ma del resto stiamo parlando del grande Lynch), ma ha dato il via a numerose serie tv cult tra fine anni novanta ai primi del 2000. Così comincia la serie:


E’  il 24 febbraio del 1990, dopo tre giorni dalla sua scomparsa Laura Palmer (Sheryl Lee), una della ragazza più amate della scuola, viene ritrovata senza vita, nuda e avvolta in un sacco di plastica trasparente. Chi ha ucciso Laura Palmer? Questo fu il tormentone che assillò tutti noi amanti della serie, per ben due stagioni. Sulla scena del delitto arriva lo sceriffo Harry S Truman (Michael Ontkean) ed il Dottore della cittadina William Hayward (Warren Frost), che si accertano delle condizione della ragazza prima di dare la notizia.

Nella cittadina, appena saputa la notizia che Laura è deceduta, arriva l’Agente speciale Dale Cooper (Kyle MacLachlan) che cerca di trovare all’omicidio una ragione soprannaturale. Cooper è sicuro che dietro a questa uccisione si nasconda il killer a cui da la caccia assidua da un anno, dopo fatta l’autopsia alla ragazza, l’Agente scopre che sotto la sua unghia c’è incisa la lettera R, modus operandi del killer a cui da la caccia.

Con il passare del tempo, si scopre che in realtà, Laura non era la brava ragazza che dava a dimostrare, e che tradiva il suo ragazzo Bobby (Dana Ashbrook) con il suo amico James (James Marshall). Cooper dopo poco scopre il diario segreto della ragazza, che rivela la sua tossicodipendenza e le sue perversioni sessuali.

Contemporaneamente, l’amante di Laura, James e la migliore amica Donna (Lara Flynn Boyle), durante la loro caccia all’assassino della ragazza, cominciano ad avere una passione reciproca. Nel frattempo, nella cittadina arriva la cugina di Laura, Maddy (Sheryl Lee) identica a lei, che successivamente si unirà al duo Donna e James per capire cosa realmente è successo alla defunta Laura.

Nella serie fa la sua entrata anche Audrey (Sherilyn Fenn), figlia del proprietario dell’albergo dove risiede l’Agente Cooper, con il quale avrà una breve storia, e con la quale riuscirà a scoprire che Laura oltre a drogarsi, lavorava come prostituta.

Durante un sogno, Cooper incontra Mike, un uomo senza un braccio che gli canta una canzone misteriosa e gli dice che un uomo chiamato BOB, dai capelli lunghi e tuta tornerà ad uccidere ancora, di colpo Cooper si trova 25 anni avanti nel tempo ed incontra un nano (Michael J. Anderson) ambiguo, che gli parla attraverso frasi sconnesse ballando jazz, fino alla parte finale del sogno, dove  vede il fantasma di Laura che dopo averle dato un bacio gli dice il nome dell’assassino, che però dimentica al risveglio. Mike viene ritracciato, il nome è Philip Michael Gerard e dopo vari interrogatori si scopre essere posseduto da uno spirito che rivela a Cooper, che l’assassino è posseduto da un demonio che da oltre 40 anni risiede nel corpo di un componente della cittadina.

Donna nel frattempo scopre che in realtà c’è un secondo diario di laura, che però viene custodito da Harold Smith (Lenny von Dohlen), confidente di Laura. Harold legge il diario a Donna, ma senza cederglielo. Dopo qualche giorno harold viene trovato morto suicida, e vicino a lui vengono trovate alcune pagine del diario strappate, dove si viene a scoprire che Laura faceva uso di droghe per dimenticare delle violenze avute da parte di Bob sin da piccola. Harold lascia alla vicina una lettera da dare a Donna dove si scopre che Laura aveva fatto lo stesso sogno di Cooper, anche qui si parla di BOB e di lei che voleva morire prima che lui s’impossessasse del suo corpo.

Maddy muore a causa di Leland (Ray Wise) padre di Laura, che è posseduto da demone. Cooper ricorda che è Leland il nome che Laura le ha sussurrato in sogno e lo arresta, ma Bob porta alla morte lo stesso leland che prima di tirare l’ultimo sospiro vede la figlia.

Dopo varie situazioni, problemi e sospensioni dall’FBI, Cooper continua la sua indagine su BOB, e nel frattempo scopre grazie al maggiore Briggs (Don S. Davis), esperto di Ufologia, che vi è una Loggia Nera ed una Loggia Bianca, dei luoghi oltre lo spazio tempo dove risiedono spiriti buoni e spiriti cattivi.

Cooper comincia una relazione con la nuova arrivata, Annie Blackburn. Durante la premiazione di quest’ultima a reginetta, Windom Earle la rapisce e la porta nella Loggia nera, Cooper entra in questo portale ed incontra numerosi personaggi, dal nano a Leland, dopo la sua lotta con il doppleganger, Copper e Annie vengono ritrovati nel bosco privi di coscienza. I due vengono portati in Hotel e assistiti dal medico, ma per Cooper non c’è via d’uscita, oramai è posseduto dal demone di BOB.

La serie divenne un tormentone, Tv sorrisi e Canzoni misero all’interno della rivista delle pagine del Diario di Laura Palmer scritte da Jennifer Lynch, figlia di David, che nel 1992 produsse il film Fuoco cammina con me, che ripercorre la vita di Laura gli ultimi sette giorni prima di morire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>