Ti lascio una canzone 4: Antonella Clerici anticipa le novità

di Redazione 1

Intervistata dal settimanale TvOggi, Antonella Clerici svela le novità di Ti lascio una canzone 4, che da mercoledì 8 settembre (per 11 puntate), dovrà vedersela con la fiction Il peccato e la vergogna con Gabriel Garko e Manuela Arcuri a cui lancia una sfida simbolica a chi si aggiudicherà la gara degli ascolti:

Avremo come concorrente la fiction di Gabriel Garko. E, visto che quando conducevo Tutti pazzi per la tele, la gara dell’audience la vince lui, spero che questa volta sia così cavaliere da passarmi lo scettro.

E sul funzionamento della gara canora, la conduttrice anticipa:

In ogni puntata si eleggerà una caznone vincitrice. Quest’anno daremo più importanza alla giuria degli esperti, senza però togliere spazio al voto popolare.

Il baby talent di Raiuno andrà in onda nuovamente da Napoli:

E’ stata una scelta dell’azienda, per cercare di contenere i costi, che ho accettato di buon grado per venire incontro alle esigenze economiche della Rai, senza dimenticare che il calorosissimo pubblico napoletano è stato uno dei nostri punti di forza.

La Clerici svela anche la formula magica del programma:

Le canzoni sono quelle che hanno fatto la storia della musica, interpretate però dalle nuove generazioni. Questo unisce davanti al piccolo schermo telespettatori di differenti fasce d’età.

Sui tanti cloni del format originale (la stoccata è a Io canto di Gerry Scotti il cui ritorno è previsto per martedì 14 settembre), Antonella commenta lapidaria:

Si, ci hanno copiato! Io canto di Gerry Scotti su Canale 5, per loro stessa ammissione, è la nostra fotocopia.

E sul suo contratto milionario che ha fatto indignare alcuni consiglieri Rai rivela:

Il compenso che ricevo è perfettamente in linea col mio valore di mercato nel mondo dello spettacolo. Anzi, io sono una di quelle che guadagna di meno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>