Ricky Martin giudice a The Voice Australia

di Redazione Commenta

Ricky Martin è pronto per volare in Australia, nella terra dei canguri. Il cantante portoricano è stato infatti scelto allo scopo di sostituire il cantante neo-zelandese Keith Urban all’interno della seconda stagione di “The Voice” Australia. Ricky Martin si aggiunge di conseguenza agli altri giurati del talent: show Seal, Joel Madden e Delta Goodrem. L’annuncio ufficiale è stato dato giovedì sera alla tv australiana, nel corso del programma di attualità “A Current Affair”.

Ricky Martin è una delle maggiori star a livello mondiale – ha annunciato alla stampa Michael Healy direttore di Nine, rete su cui va in onda “The Voice” – Porta un contributo enorme al gruppo di giudici. Pensiamo sia esattamente quello che ci vuole”.

Una nuova avventura per il cantante portoricano, che aveva già fatto capolino sul piccolo schermo come guest-star in “Glee, dove vestiva i panni di un avvenente professore di spagnolo.

 Ricky Martin in realtà era previsto come collaboratore assieme al disc jockey internazionale Bob Sinclar per Auditorium, il talent show di Raffaella Carrà che avrebbe dovuto avere il via a gennaio 2013 su Raiuno, ma è saltato per motivi economici.

Il cantante portoricano ha fatto parlare molto di sé anche per essere diventato padre di due gemellini ottenuti con la fecondazione eterologa: successivamente ha dichiarato di essere gay e non ha fatto mistero della sua relazione con il broker Carlos Gonzales, anche se ammette di non avere alcuna fretta di sposarsi. Ha detto a proposito della sua famiglia:

“Io sono il papà e lui è semplicemente Carlos. A casa nostra non ci sono due padri, ma questo non vuol dire che non siamo una famiglia. Proprio questo voglio insegnare ai miei figli: che ognuno è diverso, e che bisogna accettare se stessi e gli altri nella rispettiva unicità. Se un giorno avessi il diritto di sposarmi, forse cambierei idea. Alla fine vuoi uomini, gay o etero, siete tutti uguali, tutti allergici al matrimonio. E, forse, ha ragione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>