Ilaria D’Amico madrina di Disney Channel

di Redazione Commenta

Se pensavate che Cristina D’Avena fosse l’unica reginetta dei bambini, vi sbagliavate di grosso. Adesso c’è anche la bella (e brava) Ilaria D’Amico, da poco diventata testimonial di Disney Channel.

Ilaria D’amico – intervistata da Vanity Fair – spiega di aver scelto spontaneamente di sostenere Disney Channel perché i loro programmi sono studiati appositamente per lasciare i bambini davanti la tv, anche senza la presenza costante di un adulto. Compreso il piccolo Pietro, il figlio di Ilaria che lei stessa considera “il suo più grande sostenitore”. Ma se immaginate Ilaria come una donna forte e cazzuta, quella che ha messo spalle al muro Silvio Berlusconi, vi sbagliate di grosso. Lei dichiara di essere molto paurosa, sin da bambina. Tant’è che ha scelto di sponsorizzare Disney Channel solo da quando ha abbandonato la presenza di mostri e cattivi:

“La loro operazione ha il mio sostegno proprio per questo: a differenza dei loro vecchi prodotti, i programmi che propongono oggi hanno un ritmo compatibile con quello di un bambino di tre anni, quindi niente stregoni, mostri cattivi o musiche del terrore, ma solo personaggi ironici come Manny Tutto Fare, La Casa di Topolino, i cattivi di Jake e i pirati e la Dottoressa Peluche”.

 

Guai, però, a definirla una mamma tutto fare e iperprotettiva: “Per carità! Io sono una mamma imperfetta e sono incapace di imporre delle regole con la bacchetta in mano, diciamo che piuttosto mi barcameno. Però lui vede la tv solo di sera e con un tempo limitato,  di giorno gioca o va al parco. Per questo è contento quando fuori piove e ha la febbre, così può rimanere a casa davanti a guardare i cartoni”.

 

Ilaria ricorda anche i cartoni animati della sua infanzia: “Della Disney amavo gli Aristogatti, mentre in tv guardavo Mimi Haiuara e anche Jeeg e L’Uomo tigre con i miei cuginetti maschi”. Beh, c’è da dire che Disney Channel ha scelto una madrina che sa proprio il fatto suo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>