Le storie – Diario Italiano

di Redazione 2

Ricomincia Le storie – Diario Italiano , il programma di Rai 3 che va inonda alle 12.45 circa, condotto da Corrado Augias.

Ormai un appuntamento fisso, forte di cinque anni di programmazione per un totale di ben 850 puntate, ci darà l’occasione per continuare a parlare di politica, cultura, attualita’ e storia.

Tutto ciò che riguarda i cambiamenti del nostor paese è oggetto di interesse della “piccola” trasmissione; piccola fisicamente, anche se sarebbe più appropriato dire “intima”; ci sono appena due poltrone, e qualche amicio in studio.

Il tempo è breve, ma lo scopo è semplicemente quello di fare qualche ragionamento su temi rilevanti; nel corso degli anni Augias ha avuto l’occasione di parlare con personaggi del calibro di Luis Sepulveda, Andrea Camilleri, Giulio Giorello, Umberto Eco, Luciano Canfora, Eva Cantarella, Federico Moccia.

Abbiamo visto inoltre Augias discutere di politica con personaggi del calibro di Giorgio Napolitano , Armando Cossutta, Miriam Mafai, Anna Finocchiaro, Pierferdinando Casini e Roberto Maroni, Giovanni Sartori, Lucio Caracciolo.

Nessun argomento è precluso, si parla di scienza di filosofia, di cultura, e l’unica condizione necessaria è che il tema trattato sia rilevante e di interesse primario per il paese e i suoi abitanti.

La puntata di apertura diu questa stagione si pone un interrogativo di non facile risoluzione: c’è differenza tra cervello e mente? Vedremo quindi in studio il genetista Edoardo Boncinelli e il neurologo Piero Barbanti che ci illumineranno sulle ultime scoperte sul rapporto tra mente e cervello.

Commenti (2)

  1. In relazione all’odierna edizione di “Le storie – Diario italiano” allego Il comunicato ricavato da “VIS”, perché possa valutarsi la posizione della Chiesa e del Papa sulla base di informazioni provenienti da fonti autentiche.
    Grato dell’attenzione, con sincera stima e cordialità,
    Giuseppe Staro

    NOTA DELLA SEGRETERIA DI STATO

    CITTA’ DEL VATICANO, 5 FEB. 2009 (VIS). La Segreteria di Stato della Santa Sede ha reso pubblica, nel pomeriggio di ieri, la seguente Nota:

    “A seguito delle reazioni suscitate dal recente Decreto della Congregazione per i Vescovi, con cui si rimette la scomunica ai quattro Presuli della Fraternità San Pio X, e in relazione alle dichiarazioni negazioniste o riduzioniste della Shoah da parte del Vescovo Williamson della medesima Fraternità, si ritiene opportuno chiarire alcuni aspetti della vicenda”.

    “1. Remissione della scomunica.

    Come già pubblicato in precedenza, il Decreto della Congregazione per i Vescovi, datato 21 gennaio 2009, è stato un atto con cui il Santo Padre veniva benignamente incontro a reiterate richieste da parte del Superiore Generale della Fraternità San Pio X.

    Sua Santità ha voluto togliere un impedimento che pregiudicava l’apertura di una porta al dialogo. Egli ora si attende che uguale disponibilità venga espressa dai quattro Vescovi in totale adesione alla dottrina e alla disciplina della Chiesa.

    La gravissima pena della scomunica latae sententiae, in cui detti Vescovi erano incorsi il 30 giugno 1988, dichiarata poi formalmente il 1° luglio dello stesso anno, era una conseguenza della loro ordinazione illegittima da parte di Mons. Marcel Lefebvre.

    Lo scioglimento dalla scomunica ha liberato i quattro Vescovi da una pena canonica gravissima, ma non ha cambiato la situazione giuridica della Fraternità San Pio X, che, al momento attuale, non gode di alcun riconoscimento canonico nella Chiesa Cattolica. Anche i quattro Vescovi, benché sciolti dalla scomunica, non hanno una funzione canonica nella Chiesa e non esercitano lecitamente un ministero in essa”.

    “2. Tradizione, dottrina e Concilio Vaticano II.

    Per un futuro riconoscimento della Fraternità San Pio X è condizione indispensabile il pieno riconoscimento del Concilio Vaticano II e del Magistero dei Papi Giovanni XXIII, Paolo VI, Giovanni Paolo I, Giovanni Paolo II e dello stesso Benedetto XVI.

    Come è già stato affermato nel Decreto del 21 gennaio 2009, la Santa Sede non mancherà, nei modi giudicati opportuni, di approfondire con gli interessati le questioni ancora aperte, così da poter giungere ad una piena e soddisfacente soluzione dei problemi che hanno dato origine a questa dolorosa frattura”.

    “3. Dichiarazioni sulla Shoah.

    Le posizioni di Mons. Williamson sulla Shoah sono assolutamente inaccettabili e fermamente rifiutate dal Santo Padre, come Egli stesso ha rimarcato il 28 gennaio scorso quando, riferendosi a quell’efferato genocidio, ha ribadito la Sua piena e indiscutibile solidarietà con i nostri Fratelli destinatari della Prima Alleanza, e ha affermato che la memoria di quel terribile genocidio deve indurre “l’umanità a riflettere sulla imprevedibile potenza del male quando conquista il cuore dell’uomo”, aggiungendo che la Shoah resta “per tutti monito contro l’oblio, contro la negazione o il riduzionismo, perché la violenza fatta contro un solo essere umano è violenza contro tutti.

    Il Vescovo Williamson, per una ammissione a funzioni episcopali nella Chiesa dovrà anche prendere in modo assolutamente inequivocabile e pubblico le distanze dalle sue posizioni riguardanti la Shoah, non conosciute dal Santo Padre nel momento della remissione della scomunica.

    Il Santo Padre chiede l’accompagnamento della preghiera di tutti i fedeli, affinché il Signore illumini il cammino della Chiesa. Cresca l’impegno dei Pastori e di tutti i fedeli a sostegno della delicata e gravosa missione del Successore dell’Apostolo Pietro quale ‘custode dell’unità’ nella Chiesa”.

    SS/SCOMUNICA VESCOVI:LEFEBVRE/… VIS 090205 (550)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>