L’aria che tira, Myrta Merlino: “Abbiamo aperto un canale con i cittadini”

di Fabio Morasca 1

Da domani mattina, alle ore 11 su La7, Myrta Merlino riprenderà a condurre L’aria che tira, trasmissione che si occupa di economia, spiegata ai cittadini utilizzando un linguaggio semplice con esempi tratti dalla vita di tutti i giorni. La conduttrice e giornalista, in un’intervista rilasciata a Libero, ha manifestato la sua soddisfazione per gli obiettivi che il suo programma ha raggiunto.

Queste sono le sue dichiarazioni:

E’ un orario complicato, ma trovo entusiasmante che abbiamo aperto un canale con i cittadini. La vita è intrisa di economia, ne abbiamo a che fare quando dobbiamo pagare l’assicurazione dell’auto, accendere un mutuo o anche solo fare la spesa. Io certo di mettermi dalla parte delle persone normali, uscendo dal gergo, dai tecnicismi nei quali non ti ci raccapezzi e cercando di semplificare ma non troppo. 

L’edizione di quest’anno sarà dedicata soprattutto all’interazione con il pubblico:

Partiremo da quello che è successo a gente che ci ha scritto mail perché aveva bisogno di raccontarsi, abbiamo anche aperto uno spazio per le denunce sul nostro sito e vogliamo che ci sia molta interazione con il pubblico anche attraverso i social network. Poi ovviamente cercheremo degli ospiti per discuterne.

Anche la casta sarà tra i temi che verranno affrontati:

L’anno scorso è venuto Mario Abruzzese, il presidente del consiglio regionale del Lazio, a fare promesse tutte disattese. Stavolta, sarei contenta se venisse la Polverini.

Photo Credits | Getty Images

Commenti (1)

  1. vorrei dire al professor frati e alla fornero come mai la genialità dei figli di papà viene riconosciuta solo dove lavorano i propri genitori? come mai non vengono richiesti dalle multinazionali americane, inglesi, tedesche?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>