Veline: La carica delle 500 aspiranti da stasera su Canale 5

di Enzo Mauri 23

L’estate è risaputo, si basa su luoghi comuni ma anche tormentoni e non solo musicali, la televisione ci mette del suo proponendo trasmissioni che magari verranno ripescate, gusti del pubblico permettendo, durante la stagione successiva o rimarranno come un richiamo indelebile della nostra mente verso piacevoli momenti vissuti in una calda sera d’estate. È il caso della nuova edizione di Veline, il programma condotto da Ezio Greggio che da questa sera alle 20.30 su Canale 5, ci allieterà durante tutta l’estate, in onda anche domenica prossima 15 giugno.

Quel vecchio marpione di Antonio Ricci, ha rispolverato il progetto serbato per ben quattro anni in un cassetto, un po’ per l’indiscusso successo di Melissa Satta e della neo mamma Thais Souza Wiggers, probabilmente le migliori veline di Striscia la Notizia in 20 anni di vita televisiva, un po’ per pura scaramanzia poiché l’ultima edizione di Veline, ha incoronato la coppia più sfortunata, Lucia Galeone e Vera Atyushkina, il cui unico torto è stato quello d’aver presenziato il programma nell’annata (2004) in cui l’audience andò a picco per il successo di Affari Tuoi, con Paolo Bonolis alla conduzione.

Dopo aver toccato il fondo, il tg satirico si riprese lo scettro di programma più seguito della tv, per merito anche di Melissa e Thais che Antonio Ricci scelse personalmente, ed ora trovare le sostitute non sarà impresa da poco.


Sono ben cinquecento le ragazze che si sfideranno sul palco, le selezioni sono partite da Riccione e toccheranno poi Abano Terme, Caorle, Lido delle Nazioni, Norcia, Ostuni, Reggio Calabria, Cefalù, Boario Terme, Jesolo, Chioggia, Riva del Garda e, per le finali, Cologno Monzese. Durante le semifinali di Riva del Garda, le eliminate avranno la possibilità di essere ripescate grazie al televoto del pubblico da casa.

Novità della terza edizione di Veline, la conduzione: non più Teo Mammucari che vedremo presentare il Festivalbar, bensì colui che più di ogni altro meritava la guida del programma, in quanto ventennale traghettatore di Striscia verso i traguardi a tutti noi noti, Ezio Greggio, fu lui che diede vita al telegiornale satirico di Ricci nel lontano 7 novembre 1988 assieme a Gianfranco D’Angelo, mentre le veline di allora erano i realtà le ragazze fast food di Drive In: Eliette Mariangelo, Micaela Verdiani, Stefania Dall’Olio e Cristina Prevosti.

Quanto alla bionda e la mora che dalla stagione 1994-95 fecero la fortuna del programma, Greggio confida al Corriere della Sera:”Sono due elementi importanti, perché la trasmissione è nata con loro. Sono lì a ricordarci sempre che facciamo varietà e non informazione. Certo che c’è una nota di sex appeal, ma sono ragazze fresche, se le guardi è difficile che ti sturbi” Sarà pure così ma secondo certe voci incontrollate, pare che il goliardico conduttore abbia avuto più di una relazione con le baldanzose signorine.“Ormai il termine veline è abusato-aggiunge Greggio- ma le nostre sono quelle con la ‘V’ maiuscola, non solo belle ma professionali. E poi personalmente sono contento di tornare a fare spettacolo in piazza dopo 30 anni”.

Così come saranno contenti gli spettatori di poter veder tante belle ragazze cimentarsi nella conquista del ruolo di icona più ambita nel mondo dello spettacolo, quello che in passato fu tra le tante di Miriana Trevisan, Laura Freddi, Alessia Mertz, Cristina Quaranta, Roberta Lanfranchi, Alessia Mancini, Maddalena Corvaglia, Elisabetta Canalis, Giorgia Palmas e Elena Barolo. Senza contare coloro che hanno partecipato a Veline, nelle precedenti edizioni (2002-2003 poi 2003-2004), nel lungo elenco scrutiamo i nomi di Sara Tommasi, Ilaria Spada, Bianca Guaccero, Elisabetta Gregoraci, Carlotta Mantovan, Rosario Cannavò. Le riflessioni sul reale spessore artistico di alcune di loro le lasciamo a voi.

Importante novità di questa terza edizione del programma sarà il sito www.veline.mediaset.it che racconterà con immagini backstage, interviste e foto tutte le ragazze che si sono esibite sul palco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>