Domenica in, Albano: “Grande rispetto per i gay, ne ho conosciuti tanti a Milano”. Anna Oxa fuori forma

di Redazione Commenta

Domenica in – L’Arena scivola immediatamente nel populismo e nella banalità. All’entrata di Albano, il massmediologo Klaus Davi inaugura una polemica davvero stupida: Klaus Davi apre una polemica davvero inutile: “Questo è stato l’anno dei diritti civili. Lei però qualche anno fa disse che non avrebbe mai voluto un figlio gay”.

Al Bano ha dato una risposta raggelante : “Questo è un autogol che te lo lascio. Ho un grande rispetto per i gay. Li ho conosciuti a Milano. Non ho niente in contrario. La natura va rispettata. Sia che tu sia gay, sia che tu sia uomo, sia che tu sia stronzo”.

E certo Albano. I gay si trovano solo a Milano, precisamente rinchiusi nelle gabbie. Una gaffe seconda solo a “Io ho conosciuto tanti gay, ho lavorato con Paolo Limiti” a cui seguì l’ingenua domanda di Mara Venier: Ma perchè, Paolo Limiti è gay?” nel corso di una vecchia puntata de La vita in diretta. Un momento francamente tanto imbarazzante quanto esilarante. La conduttrice non riusciva più a trattenersi dalle risate.

Luca Dondoni invece invita dice al vecchio leone pugliese Albano che l’esclusione dei senatori del Festival di Sanremo sia stato dettato da una scelta artistica, a prescindere dalla canzone.

Segue un inutile, vuoto e retorico dibattito sui cantanti usciti dai talent show al termine dell’esibizione di Chiara Galiazzo con Il futuro che sarà. Alba Parietti dice che non vanno pregiudicati, Massimo Giletti molto populisticamente dice che non solo per i politici i reati devono cadere in prescrizione.

Fa il suo ingresso Anna Oxa, la donna che ha fatto disperare Fabio Fazio con i suoi capricci all’indomani della sua esclusione. La barese non è in formissima e si esibisce sulle note di Donna con te, Senza pietà e Tutti i brividi del mondo.Sembrano le basi del Cantatu di Gigi d’Alessio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>