Tori Spelling parla di 90210 senza rancore

di Diego Odello 2

Tori Spelling intervistata in una trasmissione radiofonica (Sean Valentine’s Valentine) ha confermato definitivamente che non farà parte di 90210, almeno per la prima stagione, perché, dopo la polemica sul contratto, nello show non c’è più spazio per lei, anche se inizialmente le era stato offerto il ruolo storico di Donna Martin.

L’attrice parla bene dello serie definendola qualcosa di veramente fenomenale, che si augura diventi grande per onorare l’eredità di suo padre, Aaron Spelling.

Le porte per Tori rimangono comunque aperte, perché in futuro si potrebbero risolvere le controversie legate allo stipendio e perché Shannen Doherty e soprattutto Jennie Garth sono determinate a farla ritornare a vestire i panni della loro amica.

Vecchi fan di Beverly Hills 90210 fatevene una ragione: nello spin-off la biondina svampita dal cuore d’oro non ci sarà.

Commenti (2)

  1. ma perché fare tutti questi casini solo perchè lo stipendio è + basso. fosse proprio misero-misero, ma stiamo parlando di migliaia di dollari non di qualche centinaia.
    e ora che non ha accettato cosa succede? niente. cioè lei non stava facendo niente o perlomeno ha fatto un reality finto alla cavolo che non ha visto nessuno, poi non sa recitare, infatti era entrata in bh90210 solo grazie al padre, ora le offrono una parte e fa la diffficile.
    io spero soltanto che le porte non rimangano aperte, anzi che si chiudano definitivamente così avremo un raccomandata in meno in giro!

  2. Intanto ben tornato Rules. Ho visto ieri sera al volo un tuo commento e mi mancavi polemico amico mio.
    Riguardo Tori, beh, non è mai stata proprio un attrice da oscar, però il suo personaggio è sempre piaciuto e i romanticoni sarebbero felice di vedere insieme Kelly-Donna-Brenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>