Mentana, Crippa accetta le dimissioni. Riflessioni

di Diego Odello Commenta

Le dimissioni di Enrico Mentana dalla carica di direttore editoriale sono state accettate dal direttore generale dell’informazione Mauro Crippa, che dopo aver sospeso con effetto immediato Matrix (per sapere cosa andrà in onda nelle prossime serate vi consiglio di consultare la nostra guida tv) si difende ricordando la lunga diretta del Tg4 (che, come vedremo, a livello di ascolti non è la stessa cosa):

Non posso che prendere atto e di fatto accettare queste dimissioni che ci sono recapitate a mezzo stampa, ma anche Mediaset ha una sua coerenza e pertanto dopo il Grande Fratello andrà in onda un’edizione speciale del Tg5 dedicata al caso di Eluana Englaro. Mentana è un giornalista di grande esperienza che conosce bene le regole della tv commerciale che gli hanno consentito e gli consento di lavorare in piena libertà e autonomia editoriale. Dispiace il suo disaccordo ma è fisiologico, fa parte del normale confronto sulle questioni di programmazione. Colpisce di più che non abbia avuto nessuna menzione la lunga e impeccabile diretta di Emilio Fede su Retequattro e la finestra delle 23.35 di Studio Aperto. Siamo infatti un sistema a tre reti e credo che non si debba mai dimenticare che il pubblico ha esigenze diverse, come dimostra peraltro la programmazione della nostra concorrenza.

Al dibattito partecipa anche Emilio Fede, che si augura che si chiarisca tutto e che difende la scelta aziendale:

Io ho fatto anche stasera il mio dovere come ho fatto sempre, perché l’informazione Fininvest è partita grazie al sottoscritto che è stato protagonista di lunghe dirette quando ce ne è stato bisogno.

Puntualizziamo:
1 – La concorrenza ha sostituito Il bene e il male con Porta a porta (i programmi di canale 5 si scontrano con quelli di Raiuno), speciale Eluana Englaro.
2 – Per giorni i telegiornali hanno parlato del caso di Eluana Englaro come qualcosa di interesse nazionale (tanto che si era proposto un decreto di legge considerato incostituzionale e si stava muovendo il parlamento), ma alla prova del nove la morte della ragazza è stata relegata sulla rete con meno spettatori per trasmettere il GF e vincere la gara d’ascolti.
3 – Parlando di scelte dettate da regole della tv commerciale, il dottor Crippa sottolinea come agli sponsor di Eluana non interessasse nulla.
4 – L’interesse degli italiani alla vicenda (ricordiamoci che tutte le persone sono fornite di telecomando) non va oltre il 4,58% di ascolti su Rete 4 (1.325.000 spettatori) e il 17,31% di spettatori su Raiuno (4.302.000 spettatori), mentre quello del Grande Fratello arriva a sfiorare gli otto milioni di spettatori. Alla gente del caso Englaro non interessava?

Concludendo: Canale 5 ha vinto la serata facendo brutta figura, ma portandosi a casa il doppio degli spettatori. Forse, però, si è giocata la seconda serata almeno nelle prossime settimane, perché Enrico Mentana è l’unico in grado di battere Porta a porta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>