Annozero, il Papa nero e l’isola che non c’è

di Redazione Commenta

L’Italia del 2010 si confronta con il futuro mai cosi incerto forse, come in questo periodo. La puntata di Annozero appena andata in onda dal titolo Il Papa nero cerca di dare dei contorni a un quadro a tinte fosche, dove i protagonisti sembrano il risultato di uno strano effetto caricaturale. Sono tutti animati da buoni propositi, da un Italo Bocchino di Futuro e Libertà che richiama un modello di governo che faccia gli interessi del Paese a Pier Ferdinando Casini leader Udc che mette il dito sulla piaga delle crisi ideologiche per cui non si capisce più dove sia la destra e la sinistra. Il “rottamatore” Matteo Renzi sindaco di Firenze, con ironia tipicamente toscana manderebbe tutti a casa. Viene da chiedersi: questa gente qualche anno fa dov’era? Possibile che nessuno si fosse accorto che ci stavamo inevitabilmente infilando in un vicolo cieco? O forse molti, intenti a saltare sul carro del vincitore lo stesso da cui ora stanno frettolosamente scendendo, hanno fatto finta di non vedere?

La conferma che il governo attuale è ormai alla camera a gas arriva dallo stesso Bocchino che ufficializza il ritiro dei ministri di Futuro e Libertà una volta approvata la Finanziaria, poi si tornerà alle urne con il rischio che non cambi assolutamente nulla o che si dia vita ad un governo tecnico guidato, come risulta da un sondaggio Svg commissionato dallo stesso Annozero, dal Governatore della Banca D’Italia Mario Draghi, soluzione condivisibile sperando che finalmente qualcuno si degni di dare delle risposte concrete a un Paese in agonia.

E Gianfranco Fini? Colui che ha dato una sonora spallata non solo al governo, ma anche a un certo modo di intendere la destra, si appresta a diventare lui un nuovo protagonista della scena politica italiana rinnovata. Nuovo e rinnovamento termini sentiti un sacco di volte uscire dalle bocche dei nostri politici e proprio per questo ascoltati con una certa diffidenza.

La puntata si presenta un po’ imbolsita con Michele Santoro compiaciuto nell’incipit del successo di Vieni via con me e Luca Telese giornalista de La7 che contribuisce a vivacizzare il contesto parlando sui commenti degli altri, dimostrando una perfetta conoscenza dei tempi televisivi: alla fine quello che svetta sugli ospiti in studio, Maurizio Belpietro e Luisella Costamagna sono quasi inesistenti, è proprio lui. Per fortuna che la realtà nelle vesti di Stefano Bianchi inviato a Brescia, scuote la platea con la drammatica situazione dei 5 immigrati abbarbicati da giorni su una gru, nel disperato tentativo di vedersi riconosciuti i diritti sacrosanti, che una strana legge gli nega, di gente che lavora e contribuisce alla crescita di questo Paese. Già ancora lei l’Italia cosi amata e allo stesso tempo bistrattata, chi sarà il Papa Nero disposto a farla uscire dalla crisi? Ma siamo sicuri che i buoni propositi non restino tali?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>