Alleanza Sky- gruppo Espresso, quanto c’è di vero?

di Redazione 1

Fra le quinte del mondo televisivo, l’anticamera in cui si decidono le sorti e le strategie di un business che col passare degli anni è divenuto fonte di inestimabili guadagni. Sarà forse per questo che i giornali, anche i più illustri, si arrischiano a vaticinare scenari futuri a volte esagerando, ma comunque basandosi su rumors con un margine minimo di attendibilità. Pochi giorni fa il Corriere della Sera in un articolo di Federico De Rosa annuncia che è in atto un’alleanza tra il gruppo Espresso e Sky, quest’ultimo prenderebbe in affitto le frequenze dell’alleato per poi utilizzarle, non appena cadranno i vincoli, per una massiccia offerta pay, simile a quella proposta sul satellite, costo dell’operazione 25 milioni di euro l’anno. “Ci sono tavoli aperti con operatori italiani ed esteri interessati ad affittare frequenze“, ha detto la fonte. “Nei prossimi mesi ci saranno accordi sulla capacità trasmissiva affittata“. Poche ore dopo Sky smentisce l’articolo del Corriere, ironizzando su fonti cosi attendibili da prefigurare: “retroscena fantatecnologici”.

Sarà pure un’invenzione ma l’esperienza ci insegna che più una notizia viene smentita, maggiore è la possibilità che abbia un alone di attendibilità. Il marchio satellitare chiarisce che potrebbe estendere la sua offerta su uno o due canali:”Se questo dovesse avvenire, l’ipotesi di farlo affittando la necessaria capacità trasmissiva da altri operatori, visti anche i tempi previsti per il beauty contest sulle frequenze derivanti dal dividendo digitale, è ovviamente possibile, ma certo non ha nulla a che fare con “assi” ne’ con “alleanze” visto che l’unico criterio che sarebbe utilizzato per identificare il fornitore, stavolta come in passato, sarebbe quello della disponibilità sul mercato, della competitività delle offerte e della qualità delle infrastrutture“.


Che tra il marchio del gruppo News Corporation e quello di Carlo De Benedetti ci sia più di una semplice simpatia lo dimostra l’accordo che ha permesso di portare il canale Cielo sul digitale terrestre, aggirando di fatto il vincolo che impediva a Sky di scendere sul dtt. Da questo punto di vista ci sono tutte le premesse perché l’alleanza possa avere ulteriori risvolti positivi.

Sky, adducendo problemi di natura tecnologica, chiarisce che non potrà mai offrire sul dtt la corposa offerta satellitare, è pur vero che in futuro con al suo fianco il gruppo Espresso si potrà creare un valido fronte anti Mediaset di fatto l’avversario più temibile con cui tra l’altro i rapporti non sono dei migliori.

Resta da chiarire perché Sky avrebbe bisogno di “affittare” canali sul dtt, considerato che molto presto parteciperà al “beauty contest” la gara per l’assegnazione di un multiplex e quindi non avrebbe bisogno di ulteriori punti di riferimento, se è vero però che, come abbiamo già riportato, l’esito della gara stesso potrebbe essere sfavorevole al marchio satellitare il quale potrebbe aggiudicarsi frequenze “scadenti” allora la necessità di appoggio da parte di un valido alleato potrebbe essere la mossa a sorpresa da giocare in un prossimo futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>