Quarto Grado, Salvo Sottile: “Cerco di dare al pubblico elementi per farsi un giudizio proprio”

di Benedetta Guerra 10

Salvo Sottile, conduttore del programma di rete quattro Quarto Grado, è stato intervistato dal quotidiano Il Tempo, dove ha parlato del suo lavoro, dei suoi progetti futuri e della televisione in generale.

La prima domanda fatta al conduttore è stata proprio su Quarto potere, della missione del programma e degli ottimi ascolti che sta facendo. Sottile ha risposto alla domanda con queste parole:

Secondo me il punto è che stiamo parlando di una storia (quella di Sarah Scazzi, ndr) interiorizzata da tutte le famiglie. Ci siamo immedesimati, è un reality vivo, qualcosa che supera l’immaginazione. E poi in tutte le famiglie si discute del fatto che ci fosse il mostro in casa. Se ne discute a casa e in ufficio, in metro piuttosto che in autobus. Quella di trattare grandi casi di cronaca, grandi gialli non risolti. E mettersi dalla parte della vittima. Io non prendo mai posizione, cerco di dare al pubblico elementi per farsi un giudizio proprio. È un “gioco” in cui ogni pedina è importante, per fornire un quadro preciso

Il caso Scazzi è ancora vivo nella mente di tutti, quindi l’intervistatrice si sofferma sul ruolo di Ivano e sul tempo che sta dedicando il programma all’omicidio di Avetrana. Sottile risponde:

Guardi, secondo me Ivano è un personaggio fondamentale. Ha un ruolo difficile perché non è la vittima, non è il colpevole ma rappresenta qualcosa di più spaventoso. Entrambe le ragazze ne erano attratte. E nonostante lo chiamino Alain Delon, non è un personaggio che può essere prestato al cinema. Ci siamo occupati del caso quando si parlava ancora di scomparsa. Era settembre, facemmo ascolti discreti. Ci dissero: “È tv del dolore!“. Ma noi ce ne stavamo occupando fin dall’inizio: la gente pensava ancora a una fuga. La storia è diventata esplosiva quando si è capito che era nata e morta in famiglia

Da un argomento serio e doloroso come quello del Caso Scazzi, l’intervista passa ad un argomento meno serio, cioè su cosa guarda in tv Salvo Sottile ed i progetti futuri. Il conduttore rivela:

Guardo tv di tutti i tipi. Quando posso. Sono onnivoro anche se, in queste settimane, sono più attento delle trasmissioni che si occupano di Sarah. E preparare “Quarto grado” è davvero difficile, perché insieme agli autori abbiamo una sorta di cura maniacale nei dettagli: studiamo i particolari, dalle carte processuali in poi

Commenti (10)

  1. Caro Salvo….
    Facevi meglio prima…
    Il caso Scazzi….è una nuova fiction di Mediaset…siamo stufi..veramente…
    Ma cosa state cercando ?…Ma cosa volete far credere ?
    Tutte queste ricostruzioni,tutta questa scena televisiva…bravi…bravi…..
    Non avete più niente di sensato di cui parlare…fate schifo…..
    State occupando tutto lo spazio televisivo con questa storia..è troppo….
    Peggio del caso Franzoni….Molto peggio…..
    Non siamo tutti così stupidi…non seguiamo tutti queste cose….
    non possiamo ridurci a questo…volete prenderci in giro ????
    Caro Salvo Sottile…mi piacevi tanto nei racconti di guerra……
    in questo momento sembri solo un burattino della TV….ben pagato…….
    NON SIETE PIU’ CREDIBILI….NON LO AVETE ANCORA CAPITO ?????

  2. E ritorno ancora….
    Salvo..ti ho sempre visto come un professionista….
    queste non sono notizie…sono fumo negli occhi per la gente…
    Distolgono l’attenzione sui grandi problemi del nostro paese…
    Questo non puoi negarlo…se sei un professionista.!!!
    Queste cose non fanno più notizia……voi le fate diventare notizia…
    Voi ne costruite una fiction…ma non bastano quelle che già vediamo
    tutti i giorni prodotte da Mediaset ?
    Perchè non rispondi….se sei un professionista ?
    DI QUESTE COSE SE NE DOVREBBE OCCUPARE SOLO LA GIUSTIZIA,
    SEMPRE CHE ESISTA LA VERA GIUSTIZIA… ..E….NON IL POPOLO….
    NON SERVE RENDERLE PUBBLICHE….A NESSUNO…

  3. mi faccio sempre questa domanda: perchè sia la mamma e la sorella di Sabrina affermano con certezza che la persona che ha ucciso Sarah, è senza ombra di dubbio, Michele Misseri, ma nello stesso tempo affermano la certezza della innocenza di Sabrina. Come fanno a sapere che Michele ha ucciso Sarah e se fosse stato un’altra persona al di fuori della famiglia??????????????????????? e lui la sta coprendo?????????????????
    Grazie Vorrei una risposta, perchè sono così convinte che è stato lui????????????????????

  4. Cosima ha graffiato Misseri e Valentina ha voluto mettere un altro avvocato per coprire Sabrina e sua madre e spaventare Misseri attenti e’ succube di quelle vipere

  5. Nella prima parte di questa intervista hai usato due espressioni bellissime secondo me,ossia,”ci siamo immedesimati” e “è mettersi dalla parte della vittima.

  6. Caro Dott. Sottile,
    vorrei gentilmente esporLe un quesito.
    Sulla lapide di Sarah c’è una foto (scelta da Sabrina) che raffigura sarah sorridente ed una mano che le sorregge il mento. La mano è di Sabrina (l’ho sentito dire da una psicologa sulla RAI) come mai i genitori non la sostituiscono? E’ da brivido sapere che Sarah è stata uccisa da quella stessa mano che si vede in foto.
    Lei deve pensare che io tutte le sere prego per Sarah e non riesco a darmi pace al pensiero che quella mano regni sovrana sulla sua tomba.
    La supplico… faccia qualcosa!!!!
    Nella speranza che renda pubblica questa mia supplica, la saluto cordialmente

  7. caro Sottile perche’ non fate una serata dedicata alla sciagura aerea di Montagna Longa che il 05 .05. 1972 e’costata la vita a 115 persone che da 38 anni chiedono giustizia ma sopratutto verita’ sulle cause di quello che fu’ caso chiuso per errore dei piloti.
    A distanza di 38 anni esiste un video filmato con riprese fatte il 06 maggio sul luogo del disasto e dove si evidenziano le prove balistiche sia sui corpi delle vittime che del relitto ,naturalmente a colori, quindi da evidenziare tutte le parti circoscritte interessate, mai analizzate fino ad ora in quanto tutta la documentazione fotografica sulla balistica all’epoca era bianco e nero.
    Inoltre troppe cooncidenze di personaggi sul luogo del disastro se si fosse trattato di incidende .
    Resto a tua disposizione per chiarimenti , incontro ed altro a prova di quanto detto. Ciao e spero di ricevere tue notizie

  8. Salve, amici di Guarto Grado.. inizio complimentandomi per la vostra trasmissione, volevo fare un appunto riguardo il caso di Melania Rea….. “scusate la mia ignoranza” ma al giorno d’oggi visto che con i satelliti si può fare di tutto….. mi chiedevo se era possibile analizzare la zona dell’omicidio e risalire con certezza chi si trovava in quel luogo durante la scomparsa di Melania.
    N.B. forse è tutta una questione politica?

  9. ciao salvo sei il migliore sn anTonella e seguo da tanto mi puoi mandare un saluto bellissima la tua trasmione questa sera nn manco sei il miGliore ciaoo un bacione ti voglio bene ciaooo

  10. Sono molto delusa dalla nuova edizione di Quarto Grado. Sembrate i protagonisti di uno C.S.I. dei poveri e non vi rendete conto che il pubblico è dotato di cervello. Insomma, ma non vi vergognate? Per voi la gente muore così, da sola, perchè comunque l’assassino non si trova mai! Sono tutti innocenti vero? Ma andate a lavorare! Vi rendete conto che sono morte due ragazze (Meredith e Sarah) e voi rendete i loro carnefici ‘personaggi dell’anno’? Ma vi ha dato di volta il cervello? Voi la gente la fate tutta scema? L’anno scorso avete fatto pubblicamente i complimenti agli inquirenti per come avevano gestito il caso Scazzi, e stasera sento solo critiche! Ma a che cavolo di gioco giocate! Guardate che la gente non ha tutta l’Alzheimer, grazie a Dio! Poveri inquirenti, costantemente presi per il culo: s’ammazzano di lavoro e passano sempre per cretini. A LORO, va tutta la mia stima. Molto meglio guardare ‘I migliori anni’, almeno non insulta la nostra intelligenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>