Miss Italia 2012, Fabrizio Frizzi: “La nostra è una passerella elegante”

di Fabio Morasca Commenta

Intervistato da Oggi, Fabrizio Frizzi ha parlato della nuova edizione di Miss Italia e delle novità di quest’anno, esprimendo anche la sua opinione riguardo argomenti già affrontati nelle ultime settimane: l’addio al bikini, la partecipazione di Chiara Danese, la svolta voluta da Anna Maria Tarantola riguardo l’immagine della donna in tv e molto altro.

Riguardo Chiara Danese, protagonista dell’arcinota vicenda del Bunga Bunga, Frizzi ha dichiarato:

Per noi è una concorrente come tutte le altre. La valuteremo con i criteri che usiamo per tutte: fotogenia, personalità, bellezza fisica. Non terremo conto in nessun modo di questo precedente. Se per lei il concorso è l’occasione per buttarsi alle spalle brutti ricordi siamo solo contenti.

Riguardo l’addio al bikini e il ritorno al costume intero:

Non voglio fare polemiche, ben venga il costume intero stile Marilyn. Dico solo che il bikini dell’anno scorso era elegante, non lasciava certo spazio a occhiate morbose. 

Considerato il desiderio di Anna Maria Tarantola di migliorare l’immagine della donna in televisione, Fabrizio Frizzi ha commentato:

Tutto dipende da come viene realizzato. Se ci si riduce a una carrellata di donne seminude viste con occhio voglioso, beh, questa non è da Rai. Per fortuna la nostra è una passerella elegante, le ragazze hanno classe e non suscitano turbe particolari. 

L’obiettivo è di migliorare i risultati d’ascolto dell’anno scorso:

Avevamo fatto il 16,5% con la prima serata, ci aspettavamo qualcosa in più. C’era una controprogrammazione fortissima. La serata finale è andata bene. Avevo avuto poco tempo per preparare il programma: ho accettato ai primi di luglio, era tutto fatto. Ora è diverso: abbiamo avuto tempo per ripensare alla formula.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>