Matricole e Meteore, un programma costruito sul fisico?

di Redazione Commenta

Alessandra Comazzi ieri ha scritto un’interessante riflessione su Matricole e Meteore e più in generale sulla televisione di oggi, intitolato Tv, il regno del fondoschiena. La giornalista, su La stampa, indica come filo conduttore fra il preserale di Italia 1, Prendere o lasciare,  e la prima serata di M&M Matricole e meteore:”Quello che le ragazze portano a dividere le chiappe” e come conduttore, il sedere nel suo insieme:

Il pretesto è rappresentare vecchi personaggi trasformati o spariti. Ma il vero scopo è mettere compiutamente in scena la parte del corpo che una volta si definiva «là dove non batte il sole», che tempi. Intorno al «bottom», molto a quello di Belen Rodriguez, si costruisce lo show. Quello è il protagonista, il resto è contorno.

Secondo la Comazzi, il contorno è infarcito di volgarità:

E, attenzione, la volgarità non sta tanto nei fondoschiena inquadrati, che sono sempre alti, giovani e ben fatti. Ma soprattutto nelle parole che fanno dire al conduttore, Nicola Savino. Esempi. Savino ricorda i puffi, e il Grande Puffo che diceva sempre i proverbi, tra cui «tira più un pelo di puffa che un carro di buoi». O un riferimento alla «pelliccia di Volpe» (Adriana), che non era un paltò. Juliana Moreira e bella e funzionale al sistema del corpo è mio, lo gestisco io e lo espongo in tv. E tutto si tiene.

Credo che ci sia una sostanziale differenza tra Prendere o lasciare e M&M Matricole e meteore: nel primo caso l’inserto di Raffaella Fico è stato aggiunto successivamente e poteva essere tranquillamente pensato in maniera differente (invece gli stacchetti sono stati resi volutamente provocanti con la speranza che riuscissero a catturare un maggior numero di persone di sesso maschile); nel secondo caso Juliana Moreira, può essere anche stata scelta per la sua bellezza, ma non fa nulla per metterla ripetutamente in mostra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>