Domenica Cinque, intervista a Califano, il ritorno di Danielona e l'”uomo papera” (!?), domenica sottotono per la Rai, tra la Cuccarini e la disfatta Ferrari

di Redazione 3

Barbara D’Urso ci dà il benvenuto a Domenica Cinque, continuando l’opera di demolizione di tutte le annunciatrici televisive storiche, che in questo momento, non stanno rimpiangendo, affatto, i tempi andati. Le fantasmagoriche doti d’imitatrice della D’Urso, questa volta, hanno ridato vita alla mitica Fiorella Pierobon, annunciatrice di Canale5. Non vediamo l’ora che Barbara D’Urso prenda i panni anche delle annunciatrici più recenti, quelle che accecano il telespettatore.

Il caso di Avetrana è ovviamente immancabile (anche se la F1 ha evitato almeno a Massimo Giletti di occuparsene a L’Arena). A far compagnia al giallo di Sarah Scazzi, ci sarà anche lo scandalo dell’asilo di Pinerolo e, questa domenica, lo studio di Barbara D’Urso si riempirà anche di casi umani: da Franco Califano che, con le pezze al deretano, avrebbe chiesto di usufruire della Legge Bacchelli, e il ritorno della mitica Danielona, opinionista di Uomini e Donne, indagata e poi scagionata dall’accusa di spaccio di stupefacenti.

Prima di piangere, la D’Urso, però, urla:

Tra poco, Arcuri, Arcuri, Arcuri!

I maschietti dall’ormone impazzito avevano già pronta la doccia ghiacciata per frenare i bollenti spiriti ma ci hanno messo poco a chiudere tutti i rubinetti. Ospite, infatti, non è Manuelona, ma il fratello Sergio Arcuri.

Presentato in pompa magna, il filmato d’introduzione ricorda ai telespettatori le gesta epiche del fratello d’arte: una fiction di Pier Francesco Pingitore (un flop tremendo) e un programma di cucina in qualche sperduto canale di Sky.

Per la serie “Se non sono matti, non ce li vogliamo…”, a Domenica Cinque, per lo spazio Cara Barbara…, arriva un arzillo signore, vestito da papera, attrazione principale del nuovo ballo italiano da esportare nel mondo, per rovinare definitavemente la reputazione del Belpaese: Il ballo della papera. Dopo questa esibizione, sembra che in Parlamento, stiano giungendo copiose, le proposte di revisione della Legge Basaglia.

L’uomo papera, degno erede della celebre donna gallina frutto della fervida fantasia di Tod Browning, dice di chiamarsi Maio e di avere tre anni. Il dialogo che si instaura tra Barbara e l’uomo papera è talmente illuminante che, al confronto, certi discorsi tra bambini all’asilo nido sembrano trattati di semiotica generale.

Dopo l’accesa (ma non troppo) discussione sullo scandalo dei maltrattamenti avvenuto in un asilo di Pinerolo, finalmente (?) fa il suo ritorno in tv, la mitica Danielona. Se non avete minimamente idea di chi sia, non fustigatevi a sangue, ci pensiamo noi a colmare le vostre lacune culturali.

Daniela Ranaldi è un’opinionista, forse ex, di Uomini e Donne, sparita nel nulla, dopo essere stata indagata, e successivamente scagionata, dall’accusa di spaccio di droga, di cui ha ammesso il consumo personale. L’esilio è finalmente terminato e la verace signora si farà intervistare da Barbara.

Con un sorriso smagliante, Danielona parla dei drammi della sua famiglia, dalla scomparsa della madre fino al consumo di droga iniziato con la depressione dovuta alla morte del padre. Danielona ci informa che passerà da una Maria all’altra: dalla De Filippi (Daniela si dice pronta a ogni decisione che prenderà la conduttrice nei suoi confronti) alla Madonna di Medjugorie. Daniela, infatti, per completare il suo processo di riabilitazione, ha espresso la volontà di intraprendere questo viaggio.

La disfatta della Ferrari avrà infranto i sogni di gloria dei supporters della Rossa ma c’è un altro motivo per essere entusiasti: la puntata di Domenica In… Amori non è andata in onda.

Alle ore 16:35, inizia la puntata di Domenica In… Onda, con Lorella Cuccarini e Domenica Cinque decide di rispondere all’attacco, con l’immancabile caso di Avetrana e uno scoop in canna: una nuova testimone, protetta dall’anonimato, ha scelto Domenica Cinque, per esprimere la sua verità. La testimone riporta alcune dichiarazioni di Sabrina che, al contrario di quanto annunciato da Barbara D’Urso a inizio puntata, non la inchiodano definitivamente.

La Domenica di Rai1, sottotono per il disastro Ferrari, continua con un’intervista perdibilissima di Lorella Cuccarini a Toto Cutugno ma, sempre parlando di cantanti, è ancora Domenica Cinque ad avere l’asso nella manica, con Franco Califano, che ha scatenato mille polemiche, ammettendo, urbi et orbi, di vivere in uno stato di indigenza.

Per lo spazio “Come tu mi vuoi”, un ragazzo ha chiesto alla madre di vestirsi, per una volta, come una star. La signora si ritrova incredibilmente vestita come Barbara D’Urso e la conduttrice reagisce così:

Ma dovevi vestirti come una star, non come una cretina come me!

A smentire, se mai ce ne fosse stato ulteriore bisogno, le qualità di latin lover di Franco Califano, ci pensa la stessa signora che, alla domanda di Barbara su Er Califfo, risponde così:

Mmm, c’è di meglio…

Franco Califano ammette che il suo intervento in diretta ha come obiettivo, quello di “ripulirsi” l’immagine, dopo quest’ultima vicenda. Il discorso, però, cade sul numero spropositato di donne, che Califano avrebbe amato. Inevitabile, purtroppo, sarebbe come invitare Nadia Cassini e non chiederle niente sul suo fondoschiena.

Franco Califano sostiene di aver amato anche donne in stato interessante, ammettendo che sono le sue preferite. Barbara D’Urso dissente, dicendo al cantante che le donne incinte vanno lasciate in pace. A questo punto, Califano mette in piazza tutti i suoi timori:

Ero venuto qui per migliorare la mia immagine, mò tutti pensano che so’ uno zozzone!

Non sia mai!

Intanto, procede la domenica soft e formale di Lorella Cuccarini, che ospita la cantante Malika Ayane e il cast della fiction Mia madre, in onda stasera su Rai1.

Su Canale5, finalmente si parla del vero motivo della presenza di Califano: la richiesta del cantante, di usufruire della Legge Bacchelli. Sorpresa delle sorprese: Franco Califano smentisce tutto ossia sostiene di non aver mai chiesto nessun sussidio, tanto meno una nuova abitazione.

Una gentile signora offre al Califfo, la possibilità di un soggiorno a lunga degenza, in una strepitosa casa di riposo. La faccia di Califano fa capire che avrebbe preferito un loculo.

Anna Pettinelli smentisce Califano, affermando che esiste un’intervista radio, dove Franco avrebbe ammesso di aver realmente fatto le richieste precitate.

Califano sostiene che l’articolo del Corriere della Sera, è un cumulo di fesserie ma la Pettinelli è sicura del fatto suo ma giustifica Califano, sostenendo che forse il cantante abbia detto cose che non pensava e che si sia fatto trascinare dalla situazione.

Epilogo finale: Franco Califano non vuole nulla. Beh, da come guardava Veronica Ciardi, forse una cosa la vuole ancora.

Commenti (3)

  1. Spero che questo articolo sia stato scritto da un parente della D’Urso altrimenti non si spiega cotanta efansi per ste schifezze passate da Domenica 5… che italia di celebrolesi… bleah!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>