La Fabbrica di cioccolato, da oggi alle 18.40 ogni sabato su Real Time

di Marcello Filograsso Commenta

Choccywoccydoodah – il nome è reale, non sto digitando lettere sulla tastiera a caso – è la pasticceria di Brighton nel Regno Unito diventata celebre in tutto il mondo grazie alle sue eccentriche creazioni di cioccolato, apre di nuovo le porte ai telespettatori di Real Time, canale del digitale terrestre e del bouquet intrattenimento della tv satellitare che sta conoscendo un exploit nel genere factual, da Ma come ti vesti? a Pazzi per la spesa, passando per Clio Make Up. Dal 1° dicembre, ogni sabato alle ore 18:40, arriva la seconda stagione de La fabbrica del cioccolato, dove vedremo tante nuove torte e non mancheranno le avventure e le disavventure del team del negozio.

Con una produzione di oltre 7500 torte l’anno e una clientela vip che annovera dignitari stranieri e celebrità del calibro della regina del pop Madonna, l’attore Johnny Depp e la popstar tascabile Kylie Minogue, lo staff si impegna 365 giorni l’anno allo scopo di soddisfare le esigenze dei suoi clienti. Nella prima puntata dell’anno scorso è stata realizzata una torta per Christian Louboutin, mentre nella seconda era richiesta la realizzazione di un dolce per un evento molto particolare.

Sotto la supervisione della matriarca Christine Taylor e con il creativo Dave al timone, i maître chocolatier affronteranno il periodo più concitato dell’anno, in occasione della quale dovranno creare una sofisticata vetrina per il loro negozio, con tanto di casa gigante di cioccolato del peso di 60 kg. Un altro evento particolare che li vedrà protagonisti è costituito dall’allestimento di una vetrina dedicata al matrimonio reale, nella quale verrà messo in scena il celebre tè del Cappellaio Matto, personaggio secondario nella favola di Alice nel Paese delle meraviglie di Carroll.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>