La Prova del Cuoco: Antonella Clerici ritorna nel suo regno ed è subito festa

di Redazione 17

Dopo quasi due anni di assenza dai fornelli di Raiuno, Antonella Clerici si ritrova col pubblico de La Prova del Cuoco, accolta da una parata di chef riservata alle grandi dive. Il fan club presente in studio, un saluto speciale a Rita Dalla Chiesa dirimpettaia, da tante stagioni, con il suo Forum e l’inevitabile commozione per un programma a cui hai dato anima e cuore, scandiscono i primi minuti di “smarrimento” all’interno della sua creatura tv.

Un ritorno in pompa magna, quindi, festeggiato con tutti i crismi. L’aspetto familiare e tradizionale della trasmissione (addolcito ulteriormente dall’immagine fresca da neo mamma della Clerici) soppianta, in pochi secondi, l’ombra di Elisa Isoardi, sostituta “scomoda” che non è riuscita mai ad integrarsi pienamente con lo spirito goliardico de La Prova.

La Clerici dimostra di essere sempre la stessa. Si commuove per l’accoglienza dei suoi fedelissimi sostenitori. Scoppia in lacrime quando riabbraccia Anna Moroni, con cui ha iniziato l’avventura del mezzogiorno. Si dimena come una forsennata quando partono i jingle preferiti, e tra i telespettatori affiora un’unica certezza: si sentiva la mancanza de Le Tagliatelle di Nonna Pina. Ci mette meno di un’ora per riportare la sua umanità, spensieratezza e briosa allegria in trasmissione e siamo sicuri che anche l’Auditel ne gioverà sostanzialmente. Bentornata, Antonella!

Il ritorno di Antonella Clerici a La Prova del Cuoco: era necessario?

View Results

 Loading ...

Commenti (17)

  1. Grande Antonella…..finalmente è tornata la regina del mezzogiorno,della simpatia e allegria……Era l’ora!!!!!

  2. quoto appieno quanto ci sei mancata anto

  3. Disgrazia e tempesta , ci credo bene che si è messa a piangere , lo farei anch’io pensando che in 60 minuti
    di “lavoro” ho guadagnato 70.000€….. Beninteso io lo farei dalla vergogna —-

  4. In Italia , spesso si fa in fretta a dimenticare le cose vergognose e a esaltare le cose che fanno vomitare -3 milioni e passa di persone che la guardano guadagnare uno sproposito , rispetto a gente che si alza ogni santa mattina per guadagnare ciò che in una vita non guadagnerà mai … Siamo al capolinea morale di ogni sano pensiero —-

  5. finalmente antonella che bello, senza togliere nulla ad elisa isoardi tu sei la padrona di casa adesso che sei tornata, e come ci fosse piu luce e tutto piu . e quando riguarda le checchiere del compenso solo quelli che non ti conoscono malignano, sai come diciamo noi a manfredonia (non dere retta a chiacciere che non riempiono la pancia )percio vai avanti cosi come ai sempre fatto bella dentro e fuori e auguri neo mamma felice ciaooooooooooooooooooooooooooooooooo

  6. Evidentemente la sig. cenzina , non si alza tutte le mattine alle sei e lavora da 8 a 12 ore al giorno per 800 € al mese –
    la VERGOGNA come il pudore di non notare certe differenze , non ha limite !…..

  7. Ha ha , evidentemente la cenzina è un’altra stipendiata di Antò , ma se lo fa aggratis allora è proprio fessa !—-

  8. Estremamente ridicole tutte queste sostenitrici !…. Ma loro pensano che ad Antò gliene frega niente di leggere me o la loro “ambigua” devozione o solidarietà?…. Una che ha avuto tanto pelo sullo stomaco nell’essere così ingorda , sai quanto gliene frega di cosa pensiamo noi! …. L’importante è che tinghete tinghete tinghete si becca 1.800.000 € !!!
    Alla faccia di me e di tutti gli italiani onesti che si sudano il vero lavoro …..
    Con la piccata risposta di antò al suo capo , ha fatto la figura da bimbina dell’asilo mariuccia ,avrebbe fatto miglior figura a stare zitta e chiedere scusa , macchè !…invece niente….. e da questo, si giudica da sola ….. una poverina! Già in altri blog , ho notato come si distolga l’attenzione verso la presunta malignità o invidia di chicchessia , quando invece è solo rabbia , rabbia , rabbia , nel vedere queste ingiuste differenze sociali -e ancor più rabbia a vedere l’esistenza di tanta gente così cieca – VERGOGNA!!!—

  9. @ PaolettaS:

    ma vergogna de che mica abbiamo rubato abbiamo solo sostenuto il ritorno della clerici alla p.d.c. e siamo in tanti e siamo in tanti a lavorare e pagare correttamente le tasse perciò vergogna dillo a qualcun’altro
    p.s. prendi un po’ di camomilla e rilassati

  10. Sostenere un ladrocinio , significa essere conniventi … che è peggio ancora -Doppia vergogna !

  11. Carissime tutte, ma soprattutto Antonella,
    fate vedere sempre le ricette dove si deve mettere il limone, ma se una persoina come me è allergica al limene che alternativa ha???????????????????

    Dovreste prevedere anche questa evenienza.
    grazie per la disponibilità ed aspetto una risposta

    Patrizia

  12. …….”ma se una persoina come me è allergica al limene che alternativa ha?”
    Semplice : non guardare la trasmissione!!!!
    Così evitiamo di far ingrassare una ladra come antonellina!

  13. @ PaolettaS:
    Ma quelli di Mediaset prendono il doppio e nessuno si lamenta di loro tutti contro ANTONELLA. Tu fai il tuo lavoro ma non devi rendere conto a milioni di telespettatori !!!!

  14. Ahhrieccoli !!!…. ladri anche quelli di mediaset …. Contenti?…..
    ps.
    A furia di guardare antonellina , vi si è ingrippato il cervello
    a non voler capire che è il “principio” quello che conta ,
    quindi ladri quelli di mediaset e ladra anche antonellina e compresi
    anche i conniventi che la condividono …. uffh –

  15. Non dimentichiamo una piccola o grande differenza : i dipendenti mediaset li paga mediaset , mentre quelli rai li paghiamo tutti noi,
    quindi perchè la ladra antò non viene qui dai ladri mediaset , suoi pari ???….Risparmieremmo 1 milione e 800.000 euro!!!
    Operaia dipendente mediaset da mille euro al mese ( ed ho già detto tutto ) !!! —

  16. La “signora” Clerici sta sfruttando la “sua” (dovrei dire nostra, visto che è pagata con i soldi delle persone oneste che pagano il canone) trasmissione per una vergognosa promozione di se stessa: il suo llbro, l’altra sua trasmissione (Ti lascio una canzone – parimenti inguardabile), sua figlia (come se fosse l’unica madre d’Italia ci ha anche deliziato con un libro, perchè probabilmente crede che la sua esperienza di madre estremamente privilegiata possa far sentire meglio noi madri NORMALI che dobbiamo correre fra asilo, lavoro, baby sitter, nonni e coprire il tutto con 1000 euro al mese, chissà cosa ne sa lei… che si può permettere di sapere che sua figlia è nel camerino a 20 mt da lei, mentre lavora), suo marito, il suo cane… BASTA!!!
    Ma vi rendete conto??
    Il prossimo passo è darle uno spazio ne “La prova del cuoco” in cui insegna ad aprire le scatolette, perchè già le sue ricette di “Casa Clerici” sono un insulto all’interno di un programma di cucina.

    In Rai ormai fanno tutto la Clerici e Carlo Conti… Cambiare ogni tanto no???

  17. Tutti noi detrattori della “signora” (per modo di dire) Clerici , abbiamo il diritto di criticare lei e tutti quelli come lei o peggio ancora tutti quelli che sono a favore di lei o più in generale a favore di questa logica di mercato abnorme!
    La logica che gli interessi di mercato mossi da una generica collaboratrice , fanno guadagnare l’azienda (quindi in teoria anche a noi ) , debbano essere riconosciuti in maniera così eccessiva , appartiene ad una distorsione
    malvagia delle regole sociali – Finchè le regole di questo mercato, sono fatte dalle stesse persone che ne usufruiscono i benefici , allora tutto è giustificato e nulla cambierà – Io da imprenditrice / lavoratrice , non posso usufruire dei guadagni che anche il mio lavoro insieme ai miei collaboratori , contribuisce a rendere la mia azienda più redditizia ; ma la cosa più importante è che i guadagni ottenuti sono reinvestiti principalmente nell’azienda stessa e non all’ingrasso di me stessa o dei miei collaboratori –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>