Weekend al cinema: La misteriosa creatura di Cloverfield Vs Woody Allen

di Diego Odello 2

Il primo weekend del mese di Febbraio offre cinque film. Nelle sale si lascia dunque ancora spazio alle pellicole uscite settimana scorsa. Fra i cinque titoli di questa settimana sicuramente quelli di più richiamo sono il nuovo film di Woody Allen, Sogni e Delitti e l’inquietante e misterioso Cloverfield prodotto da J.J.Abrams. Le altre tre pellicole sono: il documentario italiano Parole Sante, il film drammatico di guerra, Il Falsario e la commedia un po’ romantica un bel po’ drammatica P.S. I love you.

Cloverfield è un film che mescola il Thriller, la fantascienza e l’azione. Come vi ho appena anticipato, il creatore è lo stesso della fortunatissima serie televisiva Lost: J.J.Abrams, mentre il regista alla sua seconda pellicola dopo Tre Amici, un matrimonio e un funerale è il suo amico e collega Matt Reeves (insieme anno creato e prodotto la serie televisiva Felicity. Gran parte del budget è stato utilizzato per gli effetti speciali, piuttosto che per il cast, non di prim’ordine (Lizzy Caplan, Mike Vogel). Infine vi ricordo che la storia è girata in gran parte con una videocamera digitale quindi aspettatevi una ripresa molto mossa. La trama? New York, un gruppo d’amici riuniti per una festa che vedono la propria città devastata da qualcosa.

Sogni e delitti è il nuovo film di Woody Allen, ambientato a Londra che vede i due grandi attori protagonisti, Ewan McGregor (Trainspotting, Moulin Rouge) e Colin Farrell (Minority report, Miami Vice), vestire i panni di due giovani fratelli, che per risolvere i loro problemi economici, accetteranno di uccidere un uomo, vivendo in maniera differente l’attesa e il senso di colpa. Riuscirà il film del settantaduenne regista, Newyorkese, con alle spalle più di 40 film e vincitore di 3 Oscar e di altri 77 premi, a conquistare il pubblico italiano?


P.S. I Love you è un film diretto da Richard LaGravenese (oltre ad essere famoso per Freedom Writers è stato candidato all’oscar per la sua sceneggiatura de La leggenda del re pescatore), che presenta nel cast Hilary Swank, già diretta da lui proprio in Freedom Writers, ma conosciuta soprattutto per Million dollar baby e The black Dahlia, Gerard Butler, interprete tra l’altro di Dracula’s Legacy e 300 e Kathy Bates, indimenticabile in Misery non deve morire e Titanic. La storia, tratta dall’omonimo romanzo, ma trasferita dall’Irlanda a New York, racconta il lutto di una donna e la sua capacità di reagire legata alle lettere del marito defunto che le arrivano una dopo l’altra nel corso delle settimane.

Il Falsario è un film tedesco molto particolare, ambientato in un campo di concentramento, ma raccontato in maniera differente da altri film del genere: candidato all’Oscar come miglior film straniero, racconta la storia di un’equipe di falsari, messa in piedi dai nazisti, che vengono scelti tra i prigionieri per creare dollari e sterline in quantità tale da destabilizzare i mercati e creare un fondo alla Germania. Tutta la storia viene raccontata attraverso gli occhi di uno di coloro che nel 1944 fa parte del gruppo, Salomon Sorowitsch (Karl Markovics) che per non morire nel campo di concentramento di Sachsenhausen decide di collaborare.

L’ultimo film che affronto è Parole Sante, l’opera prima nel ruolo di regista del attore, scrittore e drammaturgo italiano Ascanio Celestini. Il documentario denuncia i nuovi poveri che vivono a Roma vicino a Cinecittà, i lavoratori dei call center, dimenticati da tutti. La piacevole novità sta nel fatto che il film non va a braccetto con una delle parti politiche, ma sta dalla parte degli operatori telefonici e loro, intervistati, badano solo a far rispettare un loro diritto piuttosto che perdersi in facile politica.

A voi la scelta. Buon cinema e buon weekend!

Commenti (2)

  1. Sicuramente Cloverfield è da vedere, come perdersi un film targato J.J.Abrams ma un’altro film mi intriga tanto, quello di Woody Allen.
    Staremo a vedere.

  2. Cloverfield sembra interessante..ma nn posso dirlo ancora devo vederlo!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>