Sean Penn presidente di giuria a Cannes 2008

di Diego Odello 2

 

E’ stato comunicato il nome del prossimo presidente di giuria alla sessantunesima edizione del festival di Cannes (14-25 Maggio 2008).

Ebbene dopo Stephen Frears l’anno scorso e Wong Kar Wai nel 2006, ora è il turno dell’attore Sean Penn.

Il premio oscar 2004 (migliore attore in Mystic River) e Coppa Volpi 1998 (miglior attore alla Mostra del cinema di Venezia), si è detto voglioso di cominciare la sua avventura da presidente ed entusiasta dell’investitura fatta dal direttore artistico del festival Thierry Fremaux che l’ha definito un americano che incarna il cinema indipendente e un certo aspetto dell’America che piace.


Sean Penn, per chi non lo conoscesse è un attore che ha lavorato con grandi registi quali Brian De Palma (Vittime di guerra e Carlito’s Way), Dennis Hopper (Colors), Tim Robbins (Dead man walking – migliore attore al Festival di Berlino), Oliver Stone (U Turn), Terrence Malick (La sottile linea rossa), David Fincher (The game), Woody Allen (Accordi e disaccordi), Jessie Nelson (Mi chiamo Sam – Nomination agli oscar), Clint Eastwood (Mystic River – Oscar come migliore attore), Alejandro González Iñárritu (21 Grammi) e Sydney Pollack (The Intepreter), solo per fare alcuni nomi.

Il quarantasettenne originario di Santa Monica, che da qualche anno non lavora più solo come attore (il suo esordio in un episodio de La casa nella prateria, nel lontano 1974), ma anche come regista, produttore e sceneggiatore (dal 1991 con Lupo Solitario, al film che uscirà in Italia a gennaio, Into the wild – Nelle terre selvagge) affronterà per la prima volta da presidente la passerella del festival francese, che ha già calcato più volte da ospite e da vincitore (nel 1997 è Palma d’oro come miglior attore per She’s so lovely di Nick Cassavetes).

Il Festival di Cannes, che lo voglio ricordare per chi non lo sapesse, è uno dei festival più importanti e storici del mondo, ogni anno premia lungometraggi (miglior film, maggior originalità, miglior attore, miglior attrice, miglior regista, miglior sceneggiatore e premio della giuria), cortometraggi (miglior cortometraggio e premio della giuria) e la miglior opera prima di tutte le sezioni, nonché visiona anche film fuori concorso e annovera sezioni parallele come la settimana della critica.

Ora non ci rimane che sperare nelle sue capacità di giudice, che, se saranno come quelle da attore, ci daranno un giusto vincitore per la sessantunesima edizione del Festival di Cannes.

Commenti (2)

  1. Sean Peen,un grande attore-regista.
    Festival di Cannes,grande festival quindi ha bisogno di un grande attore e lui è pressochè perfetto.

  2. Appropriata scelta quella di Sean Penn, ottima direi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>