Totò e l’anniversario della sua scompars: tutti i film da vedere

di R. Staiano Commenta

a 54 anni dalla scomparsa del Principe Totò ricordiamo le sue migliori opere da rivedere per ricordare il suo talento comico.

Antonio De Curtis è stato il principe di Napoli. Durante la sua carriera artistica si faceva chiamare Totò, un nome che quantomeno in Italia è ormai davvero difficile non conoscere. Nonostante sia molto apprezzato, la sua carriera quando era ancora in vita non è stata sempre facile. Anzi egli stesso era molto severo nei suoi riguardi, proprio dovuto alle spesso critiche che gli venivano mosse. Una delle frasi più celebri legate anche alla sua scomparsa è infatti proprio “Era un grande attore” detta proprio quando ormai era troppo tardi, a riprova che in questo Paese per essere apprezzati bisogna letteralmente morire. Per fortuna comunque oggi gli è riconosciuta la sua immensa presenza, apprezzato anche dai più giovani che non hanno vissuto la sua epoca. Le sue battute sempre sagaci, spesso combaciano con una realtà ancora odierna. Sono passati 54 anni dal 15 aprile in cui morì il principe. Se non conoscete dunque questo artista vi elenchiamo una serie di film che tutti dovrebbero vedere, o rivedere, perché le risate sono sempre assicurate.

Totò, Peppino e la Malafemmena

Uno dei film più significativi per il duo di comici. La storia dei fratelli Caponi che si ritroveranno, loro malgrado, recarsi nella metropoli di Milano pur essendo due paesani del profondo sud. Il motivo è quello di riportare sulla retta via il nipote Gianni, presumibilmente caduto vittima di una donna di malaffare. Una delle scene più significative e rimaste nella storia del cinema italiano è la lettera che i due fratelli scrivono per la donna in questione, scena che si racconta sia stata completamente improvvisata dal principe.

Totòtruffa 62

In coppia con Nino Taranto, i due ci regalano un susseguirsi di gag esilaranti volti ad attività truffaldine. In questo film è presente un’altra scena cult famosa per il contesto in cui è stata girata. I due venderanno la fontana di Trevi, noto monumento della Città di Roma, ad un malcapitato americano che pensa di aver fatto un affare.

Miseria e Nobiltà

Indubbiamente il film, girato poi in teatro, più famoso della carriera del principe. In questo caso è complicato trovare una scena o battuta che non sia divenuta storia. A distanza di anni è sicuramente il film che riesce a regalare ancora molte risate. La storia ormai la conoscete tutti e se davvero non vi fosse presente, allora è il caso di rimediare quanto prima.

La banda degli onesti

Uno specchio di un’Italia che non è molto cambiata da allora. Anche qui ci sono battute attuali che fanno riflettere e ridere al tempo stesso. La storia parla di tre uomini intenti a riprodurre la banconota da 10.000Lire salvo poi scoprire che nessuno ha avuto il coraggio di spenderli. In ogni caso ci sono molti film validi nella filmografia del principe, sta a voi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>